Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Medici militari italiani in Uganda: festa per i 50 anni dell’ospedale St Joseph’s

Data:

30/11/2010


Medici militari italiani in Uganda: festa per i 50 anni dell’ospedale St Joseph’s

“In Africa non si è mai visto un ospedale come il St Joseph’s”. Lo racconta Piero Narilli, chirurgo della missione umanitaria delle Forze Armate “4 stelle per l’Uganda”, prima di entrare in sala operatoria nell’ospedale della città di Kitgum, nel nord del Paese. “Ero abituato a operare in situazioni disastrose da un punto di vista igienico, di attrezzature, e soprattutto di preparazione del personale medico locale. Qui c’è estrema pulizia e soprattutto tanta voglia di imparare. Il St Joseph’s è una sorta di isola felice nel mondo della sanità africana”, ha spiegato il dottor Narilli.

Il personale militare, sostenuto nei suoi giorni di permanenza a Kitgum dallo staff della Fondazione AVSI, si è integrato perfettamente con la popolazione locale, partecipando attivamente ai festeggiamenti per l’anniversario del St Joseph’s, che proprio sabato 27 novembre ha celebrato i suoi primi 50 anni di attività.

La missione umanitaria delle Forze Armate italiane, in collaborazione con Alenia Aeronautica,partita il 20 novembre e che si ferma a Kitgum per 17 giorni, prevede numerosi interventi chirurgici, insieme ad attività di formazione. La missione, coordinata dalla Direzione Generale della Sanità Militare, è stata pianificata dal Comando Operativo di Vertice Interforze (COI) dello Stato Maggiore Difesa, che ne detiene anche il comando operativo. Il coordinamento dei voli militari di andata e ritorno è stato invece effettuato dalla Sala Situazioni dello Stato Maggiore Aeronautica.

“Quattro stelle per l’Uganda” vede impegnati al fianco dell’ONG italiana Fondazione AVSI medici ed infermieri di Esercito, Marina, Aeronautica e Carabinieri, per la prima volta insieme in Africa. Il gruppo è composto da 20 militari, tra medici, infermieri ed addetti alla logistica, e 2 chirurghi civili, con mezzi di trasporto messi a disposizione dalla Cooperazione Italiana.


Luogo:

Rome

11075
 Valuta questo sito