Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Cooperazione: Frattini, centralità alle persone e non alle procedure

Data:

07/12/2010


Cooperazione: Frattini, centralità alle persone e non alle procedure

Nelle politiche di riduzione della povertà "bisogna dare centralità al destinatario, che è l'individuo" al posto della "centralità delle procedure". Lo ha detto il Ministro Franco Frattini presentando alla Farnesina il volume "Alla radice dello sviluppo: l'importanza del fattore umano", realizzato dalla Fondazione Avsi e dalla Fondazione per la Sussidiarietà.

Per Frattini le politiche di sviluppo fondate sul semplice aiuto non hanno portato grossi risultati, perché "chi dona si disinteressa di cosa avviene dopo", e si arriva a distorsioni come "assistenzialismo, corruzione, spese gonfiate in settori inutili". Inoltre, "se chi riceve non si sente protagonista, non è interessato a costruire qualcosa".

Sono tre, secondo il Ministro, le precondizioni per ridurre la povertà: la ricerca della pace, la stabilità del sistema e, non ultimo, il rispetto e la difesa dei diritti umani, su cui l'Italia -ha ricordato - "è impegnata da tempo in diverse battaglie come contro la pena di morte e le mutilazioni genitali femminili e per la difesa delle libertà religiose".

Per una politica di sviluppo efficace, poi, bisogna "responsabilizzare" il destinatario e "coinvolgere tutti gli attori del processo, con una grande alleanza con le componenti della società civile". Infine, bisogna puntare su formazione e istruzione, "per dare a tutti la dignità di protagonista".

''Alla radice dello sviluppo: l'importanza del fattore umano'', realizzato con il patrocinio del MAE, è dedicato al tema dell'efficacia e della stabilità delle politiche di cooperazione allo sviluppo. L'evento, presentato dalla ricercatrice del Dipartimento Sviluppo e Cooperazione Internazionale della Fondazione per la Sussidiarietà, Ilaria Schnyder von Wartensee e dall'ordinario di Economia Applicata dell'Università degli Studi di Trento, Giuseppe Folloni, è stato introdotto dal Segretario Generale della Fondazione Avsi, Alberto Piatti e moderato dal Direttore del Centro Internazionale di Comunione e Liberazione, Roberto Fontolan.


Luogo:

Roma

11059
 Valuta questo sito