Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Italia-Egitto: l’Accademia dei Lincei presenta il parco di Medinet Madi

Data:

09/12/2010


Italia-Egitto: l’Accademia dei Lincei presenta il parco di Medinet Madi

Il 10 dicembre, all’Accademia dei Lincei, sarà presentato il “Il parco archeologico di Medinet Madi. Un esempio di cooperazione italo-egiziana”. L’iniziativa è finanziata dalla Cooperazione Italiana ed è giunta alla sua seconda fase.

Si tratta di un progetto molto ambizioso, i cui risultati sono stati analizzati recentemente in una conferenza internazionale al Cairo. All’evento hanno partecipato - tra gli altri - l’ambasciatore d’Italia in Egitto, Claudio Pacifico; il segretario generale del Consiglio supremo delle antichità e viceministro della Cultura, Zahi Hawass, atteso il 10 dicembre all’Accademia dei Lincei insieme al ministro egiziano per la Cooperazione, la signora Fayza Aboulnaga; il governatore del Fayoum, Galal el Said; la professoressa Bresciani e l’architetto Antonio Giammarusti.

Durante la conferenza è stata sottolineata l’importanza dello scambio di esperienza e di know-how tra le istituzioni italiane ed egiziane, come dimostra la proficua collaborazione tra l’Università Italiana di Pisa e il Consiglio supremo delle antichità d’Egitto, che ha consentito non solo le attività archeologiche di recupero dell’unico tempio del Medio Regno presente nel paese con scolpiti sulle pareti testi e scene in rilievo, nonché il recupero di tutta l’area circostante; ma anche e soprattutto la sua fruibilità turistica, nel rispetto dei requisiti di tutela ambientale e con importanti riscontri anche a livello socio-economico.

L’unicità del sito archeologico di Medinet Madi, “la Luxor del Fayoum” come lo ha definito in più occasioni lo stesso Zahi Hawass, per quanto rappresenti un unicum nel patrimonio archeologico del Paese, come esempio di successo - ha spiegato il viceministro egiziano - può costituire il punto di partenza per altre esperienze di cooperazione tra i due Paesi per la valorizzazione dell’immenso patrimonio culturale e naturale d’Egitto.


Luogo:

Roma

11070
 Valuta questo sito