Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

I servizi dell’Unita’ di Crisi anche sull’Iphone

Data:

08/07/2011


I servizi dell’Unita’ di Crisi anche sull’Iphone

Sul Pc, sullo smartphone o sull'iPad: gli italiani che si trovano temporaneamente all'estero hanno uno strumento in più per restare 'collegati' con i servizi forniti dall'Unità di crisi della Farnesina grazie ad un nuovo progetto che, all'insegna della collaborazione per l'innovazione, nasce dalla collaborazione tra i Ministeri degli Esteri e per la Pa e l'innovazione, presentato alla Farnesina dai Ministri Franco Frattini e Renato Brunetta. La chiave e ' la piattaforma del portale ViviFacile, realizzato dal ministero dell'Innovazione e che già assiste i cittadini grazie ai collegamenti con Aci e con il mondo della scuola, ma che sarà arricchita da quelli messi a disposizione dall'Unità di crisi e già da subito, contestualmente con l'inizio dell'estate e del più intenso periodo turistico. Entro la fine dell'anno sarà poi disponibile una più completa integrazione fino alla realizzazione di un'applicazione di dispositivi mobili (iPhone, iPad e altri palmari e tablet). Ma non solo: il Ministro Brunetta ha proposto di coinvolgere nel progetto i tour operator "che potranno fruire gratuitamente dei siti Viaggiare Sicuri e Dove siamo nel mondo". Una proposta, quest'ultima, accolta con favore dal Ministro Frattini che ha sottolineato come la Farnesina sia "all'avanguardia" nell'uso della tecnologia, sia per raggiungere più rapidamente e direttamente i cittadini, sia per risparmiare: "Nel mese di giugno scorso le spese postali della Farnesina sono state di 6000 euro, mentre quando io sono arrivato erano di 70 mila, così per il servizio di corriere diplomatico che costava 100 mila euro al mese e ora ne costa 25 mila o la spesa telefonica, quasi dimezzata da un milione e 600 mila euro", ha spiegato Frattini. Un obiettivo non di scarso interesse quello di ridurre le spese e al quale mira il secondo progetto presentato nell'ambito della collaborazione tra Mae e ministero dell'Innovazione con l'introduzione del 'cloud computing' per la rete diplomatico-consolare, ovvero una 'nuvola' di condivisione delle risorse del Ministero degli Esteri che assicurerà importanti benefici in termini di erogazione dei servizi ai cittadini e maggiore velocità ed efficienza nello scambio di dati e informazioni. Un esempio su tutti lo ha fatto ancora il Ministro Brunetta che, presentando la possibilità di mettere in 'rete' tutte le sedi consolari e diplomatiche per il trasferimento e la condivisione di dati, ha aggiunto l'opzione di poter creare un collegamento in videoconferenza "che ridurrà la necessità di viaggi e di spostamenti, ma anche di stress".


Luogo:

روما

12033
 Valuta questo sito