Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Italia-Svizzera: Frattini a Berna (13 gennaio)

Data:

12/01/2011


Italia-Svizzera: Frattini a Berna (13 gennaio)

Rapporti economici bilaterali, rapporti UE-Svizzera e temi multilaterali saranno al centro della missione del Ministro Franco Frattini in Svizzera, il 13 gennaio, dove incontrerà il Presidente della Confederazione Micheline Calmy-Rey.

Tra gli obiettivi della missione: ribadire la volontà italiana di concludere un nuovo Accordo bilaterale sulle doppie imposizioni analogo a quello che Berna ha recentemente concluso con altri Paesi OCSE; offrire la collaborazione del MAE per la partecipazione della Svizzera all’Expo 2015; confermare l’impegno dell’Italia per il rafforzamento della cooperazione tra i due Paesi in settori di rilevanza strategica come i collegamenti ferroviari, l’energia e la difesa (programma Eurofighter); affrontare il tema dei rapporti fra Svizzera e Unione Europea, per i quali da parte di Bruxelles si auspicherebbe una maggiore organicità, mentre Berna preferirebbe proseguire sulla cosiddetta “via bilaterale”.

Per quanto riguarda i temi multilaterali, il confronto verterà su: riforma del Consiglio di Sicurezza ONU e candidatura dell’Italia; riforma di Bretton Woods, FMI e gruppi di voto; G20. Per quanto riguarda la politica internazionale, si discuterà di Iran, Libia e Kosovo e Bosnia.

Le relazioni tra la Svizzera e l’Italia sono contraddistinte da intensi rapporti economici, politici, umani e culturali, e da una lingua comune.Da vari anni l’Italia è il secondo partner commerciale della Confederazione, con un interscambio di circa 24 miliardi di euro nel 2009 ed un saldo positivo per l’Italia per oltre 3 miliardi di euro. Esistono in Italia circa 750 imprese partecipate da investitori svizzeri, con oltre 90.000 addetti; in Svizzera, circa 300 imprese partecipate da investitori italiani impiegano oltre 40.000 addetti.

L’italiano, lingua ufficiale della Confederazione, è parlato dal 12% dei cittadini svizzeri. In Svizzera risiede oltre mezzo milione di persone aventi cittadinanza italiana o doppia. Energia, trasporti e ambiente sono i settori strategici del rapporto italo-svizzero. I transiti transalpini italo-svizzeri costituiscono una via di comunicazione fondamentale tra l’Italia e il Nord Europa e la Confederazione è fornitrice netta di energia al nostro Paese. I 150 anni dell’Unità d’Italia segnano anche il 150mo anniversario delle relazioni diplomatiche tra i due Paesi.

Al termine della sua missione nella Confederazione, Frattini sarà invece a Losanna, dove riceverà dalle mani del Presidente del CIO, Jaques Rogge, 'il collare d'oro': il più alto riconoscimento olimpico per l'impegno italiano nella promozione e l'ottenimento dell'ingresso dell’organismo quale osservatore permanente alle Nazioni Unite.

 


Luogo:

روما

11166
 Valuta questo sito