Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Cooperazione: Egitto, Conferenza regionale sui diritti dei minori

Data:

17/01/2011


Cooperazione: Egitto, Conferenza regionale sui diritti dei minori

L’Osservatorio egiziano per i diritti dei minori ha inaugurato al Cairo la prima Conferenza regionale sul diritto alla partecipazione dei minori ai processi decisionali. L’organismo è stato finanziato dalla Cooperazione Italiana con tre milioni di dollari. Uno stanziamento stabilito dalla seconda fase del programma di conversione del debito Italia-Egitto, realizzato in partenariato con il ministero egiziano per la Famiglia e la popolazione-Consiglio nazionale per l’infanzia e la maternità (Nccm).

La sessione inaugurale della Conferenza è stata aperta dalla Ministra per la Famiglia, Moushira Khattab, e dall’Ambasciatore d’Italia in Egitto, Claudio Pacifico. All’iniziativa ha partecipato anche il Direttore dell’Unità tecnica locale (Utl) della Dgcs al Cairo, Ginevra Letizia. Tema centrale è stato il contributo che l’Osservatorio nazionale ha apportato al già consolidato partenariato italo-egiziano in materia di tutela dei diritti umani.

L’impegno profuso dai governi, di entrambi i Paesi, non solo ha avuto impatto sulla società in termini di promozione dei diritti delle fasce marginali e più vulnerabili della popolazione, ma ha anche avviato, a livello istituzionale, un percorso qualificante di riforma delle politiche sociali. “Sono contento di sapere che l’Osservatorio stia producendo tangibili risultati - ha affermato l’Ambasciatore Pacifico -, dimostrando che la realizzazione dei diritti dei minori sta divenendo, in Egitto, un meccanismo istituzionale in grado di riconoscere i minori come depositari di diritti, le cui opinioni devono essere prese in considerazione in ogni processo decisionale che li riguarda”.

La Conferenza, concepita come piattaforma regionale di dialogo,di condivisione di buone pratiche e lezioni apprese in materia di partecipazione, ha raccolto i contributi di ricercatori, accademici, rappresentanti della società civile e cooperanti della regione Mena e africana, che daranno vita ad una pubblicazione sulle diverse modalità di attuazione delle politiche a favore di minori sia in Europa sia nei Paesi rappresentati. Accanto agli oltre 400 adulti presenti, un variegato gruppo di bambini e ragazzi provenienti da scuole elementari, medie e superiori ha contribuito alle differenti sessioni della Conferenza. I ragazzi hanno avuto modo di esprimere opinioni e punti di vista su come promuovere e migliorare il loro apporto diretto ai diversi ambiti politico-sociali, facendosi parte richiedente e giudicante in merito a temi rilevanti quali il ruolo e la performance dei governi come garanti della partecipazione, le modalità del loro coinvolgimento nelle scuole e nei sistemi educativi.

La Conferenza e le posizioni emerse dal proficuo dialogo instaurato, costituiranno un tassello fondamentale per l’elaborazione del primo Piano d’azione nazionale egiziano per i minori che l’Osservatorio sta ora elaborando. L’Egitto dimostra da tempo una reale attenzione alle problematiche sociali legate ai minori e alla promozione dei loro diritti e l’Italia, grazie al costante impegno della Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo, lo sostiene con solidarietà ed efficacia.


Luogo:

Roma

11185
 Valuta questo sito