Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

“Lucia di Lammermoor” di nuovo a Mersin dopo undici anni

Data:

17/01/2011


“Lucia di Lammermoor” di nuovo a Mersin dopo undici anni

Prodotta dall’Opera e del Balletto di Stato di Mersin, con il contributo dell’Istituto Italiano di Cultura di Ankara e della Fondazione dei Solisti dell’Opera, la prima dell’opera “Lucia di Lammermoor” di Gaetano Donizetti (1797-1848) sarà presentata a Mersin, giovedì 20 gennaio, dopo undici anni.

L’opera - per la regia di Vincenzo Grisostomi Travaglini - sarà messa in scena con la partecipazione di Vladimir Lungu quale Direttore d’Orchestra e Oleg Constantinov quale Direttore del Coro, di Gulden Sayil, che per l’occasione ha realizzato i costumi ed un’eccellente scenografia, e di Stefano Pirandello alle luci.

Lucia di Lammermoor - il cui libretto è stato scritto da Salvatore Cammarano ispirandosi al romanzo “The Bride of Lammermoor” di Walter Scott - rientra tuttora nel repertorio teatrale classico. Donizetti, come di consueto, fu rapidissimo: iniziò la composizione alla fine del maggio del 1835 e la terminò il 6 luglio dello stesso anno. L’opera andò in scena al San Carlo di Napoli il 26 settembre 1835.

L’opera, ambientata in Scozia nell’anno 1702, racconta la storia della lotta tra gli Ashton e i Ravenswood. Gli Ashton sono in ascesa e hanno anche il Castello Ravenswood tra le loro proprietà, però sono in pericolo economicamente e politicamente a causa dei rivolgimenti religiosi e politici dell’epoca. Lord Enrico Ashton desidera uscire da questa situazione, pensa perciò di far sposare sua sorella Lucia con Lord Arthur Bucklaw uno dei più importanti nobili di Scozia. Invece Lucia è innamorata di Edgardo, figlio del loro nemico. Edgardo ha deciso di parlare con Lord Enrico per mettere fine all’inimicizia tra le due famiglie e per realizzare il sogno d’amore con Lucia. Lord Enrico invece, informato del loro amore, medita di porre fine a questo rapporto e di vendicarsi di sua sorella e di Edgardo.


Luogo:

Roma

11183
 Valuta questo sito