Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

UE: Ministri degli Esteri a consulto in Italia

Data:

21/01/2011


UE: Ministri degli Esteri a consulto in Italia

Il Ministro Franco Frattini sarà impegnato nel week-end a Corvara (Alta Badia) in una serie di incontri informali con alcuni colleghi europei, incluso l’Alto Rappresentante della politica estera UE, Catherine Ashton. Sarà l'occasione per affrontare i principali temi europei: dalla situazione nei Balcani occidentali ai rapporti tra Europa e Turchia fino ai diritti delle minoranze cristiane nel mondo, questione che vede l'Italia protagonista di un'iniziativa con altri paesi dell'Unione. All'iniziativa hanno aderito i Ministri dell'Ungheria (attuale presidente di turno) Janos Martonyi, della Polonia (prossimo presidente dell'Ue) Radoslav Sikorski, della Svezia Carl Bild, dell'Austria Michael Spindelegger e della Slovenia Samuel Zbogar.

L'adesione all'Unione europea di tutti i Paesi dei Balcani occidentali resta l'obiettivo comune della Ue e della regione balcanica, come è emerso nella Conferenza UE-Balcani svoltasi a Sarajevo lo scorso giugno. I Balcani occidentali hanno di fronte sfide relative allo stato di diritto, alle riforme del sistema giudiziario e amministrativo e alla lotta contro corruzione e criminalità organizzata, tutte precondizioni per l'ingresso nell'Unione europea. Ad oggi, lo status di candidato è stato riconosciuto al Montenegro, mentre la Croazia è nella fase finale dei negoziati per l’adesione. L’avvicinamento dei Balcani all’Europa è tra le priorità della politica estera italiana. Il Ministro Frattini ha contribuito con il suo impegno personale all’abolizione dei visti per gli albanesi nell’area Schengen, scattata lo scorso dicembre, che può preludere al riconoscimento all’Albania dello status di candidato all’UE entro quest’anno.

Per quanto riguarda i rapporti UE-Turchia, persistono posizioni diverse tra gli Stati membri sull’adesione di Ankara. L’Italia è tra i principali sponsor dell’adesione, nella considerazione che la Turchia è storicamente e geograficamente parte della civiltà europea ed è membro della NATO fin dagli inizi. L’Italia ritiene poi che sia interesse europeo includere la Turchia per avere una politica credibile in Medio Oriente, focolaio delle principali crisi internazionali. L’Unione Europea, inoltre, può beneficiare del dinamismo della società turca, con una popolazione giovane e un’economia in grande ascesa.

A Corvara si affronterà anche il tema della difesa delle minoranze religiose, a seguito della terribile ondata di attentati che hanno colpito i cristiani in Africa e Asia. Su questo fronte l’Italia ha fatto da apripista, proponendo ed ottenendo dall'Unione europea un monitoraggio annuale sul livello di libertà religiosa nel mondo.


Luogo:

Rome

11204
 Valuta questo sito