Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Frattini alla Camera: in Libia situazione gravissima, da bagno di sangue. L’Europa sia unita nell’affrontare l’emergenza migratoria

Data:

23/02/2011


Frattini alla Camera: in Libia situazione gravissima, da bagno di sangue. L’Europa sia unita nell’affrontare l’emergenza migratoria

“Siamo in una situazione grave, gravissima”, il cui “tragico bilancio sarà un bagno di sangue”. Lo ha detto il Ministro Franco Frattini intervenendo alla Camera (nel pomeriggio sarà al Senato) per illustrare la posizione del governo su quanto sta accadendo in Libia. Secondo Frattini si tratta di una situazione “resa ancora più grave dai propositi espressi ieri da Gheddafi in cui la volontà di colpire il suo stesso popolo, determina una situazione di guerra civile tra aree e province in cui ci sono gruppi che si combattono con bande e squadroni della morte. E’ un’analisi – ha aggiunto il Ministro – che ho condiviso con molti governi europei e non europei”. Frattini ha anche espresso preoccupazione per l’islamismo radicale in Cirenaica dove è stato annunciato “la nascita di un emirato islamico della Libia dell’Est”. Il Ministro ha, inoltre, detto che l’Italia sarà unita all’Europa nella valutazione di ulteriori appropriate misure nei confronti della Libia. Quanto all’emergenza migratoria per la crisi in atto nel Nord-Africa, “ è evidente che le conseguenze non potranno essere accollate soltanto all’Italia”, mentre l’assenza di una risposta unica europea all’emergenza migratoria “sarebbe il crollo, la distruzione della solidarietà europea, la fine delle politiche europee come le abbiamo conosciute negli ultimi 50 anni”. Il Ministro ha puntualizzato che la richiesta dell’Italia all’Ue per la gestione dell’eventuale ondata di immigrazione dalla Libia “non e’ una richiesta di distribuzione di immigrati sul territorio europeo, ma di un meccanismo serio di ripartizione degli oneri economici, sociali e anche umani del flusso migratorio che uno o più Paesi membri, in particolare del Mediterraneo, potrebbero subire”.


Luogo:

Roma

11345
 Valuta questo sito