Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Afghanistan, rapporto Intersos: società civile attiva ma poco coinvolta

Data:

23/02/2011


Afghanistan, rapporto Intersos: società civile attiva ma poco coinvolta

La società civile afghana è variegata e attiva, ma è poco coinvolta nel processo di sviluppo del Paese. Il dato emerge dal rapporto "La società civile afgana. Limiti e potenzialità", basato su un'analisi della letteratura esistente e su tre mesi di ricerca in otto province afgane, realizzato da Intersos-Link 2007, dall’università di Milano e da Afgana.org con il contributo della Cooperazione Italiana.

Dalle interviste svolte sul campo è emerso che in Afghanistan le politiche di ricostruzione hanno dato priorità alle organizzazioni che forniscono servizi di emergenza e assistenza, trascurando quelle che promuovono discussione pubblica, mobilitazione e partecipazione sociale e chiedono trasparenza e responsabilità da parte del potere politico.

In Afghanistan, si sottolinea nel rapporto, esiste una variegata società civile, attiva e diffusa (associazioni dei diritti umani, organizzazioni di donne, sindacati, gruppi religiosi e giovanili, ecc) che chiede al governo locale e alla comunità internazionale di essere riconosciuta come soggetto che persegue gli stessi obiettivi della politica - stabilità e prosperità dell'Afghanistan - pur con metodi diversi.

Il rapporto è stato presentato alla Farnesina alla presenza del Direttore Generale della Cooperazione Italiana Elisabetta Belloni. Nel processo di transizione afghana - ha spiegato - alla comunità internazionale "viene chiesta una sempre maggiore presenza della componente civile" rispetto a quella militare. E in quest'ottica "ci aspettiamo input dalla società civile afghana. Bisogna interloquire con essa per stabilire con efficacia i piani di sviluppo", ha aggiunto.

A questo proposito la Cooperazione ha finanziato una conferenza della società civile afghana che si svolgerà a maggio a Roma. L'iniziativa, amministrata dalla ong Intersos, fa parte del progetto "Afgana", un network informale della società civile italiana nato nel 2007 per formulare proposte per la pace e la giustizia nel paese asiatico. A fine marzo a Kabul si svolgerà una pre-conferenza con le reti sociali locali e i rappresentanti di tutte le province afghane.


Luogo:

Roma

11346
 Valuta questo sito