Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Focus-Libia: Frattini, contatti con il Consiglio nazionale. Boniver, la missione umanitaria sarà modulare

Data:

07/03/2011


Focus-Libia: Frattini, contatti con il Consiglio nazionale. Boniver, la missione umanitaria sarà modulare

Prosegue l’attività diplomatica italiana per far fronte alla crisi libica. Oggi il Ministro Frattini ha spiegato che l’Italia ha avviato contatti, ma “con discrezione” con il Consiglio nazionale libico. "Abbiamo conoscenze migliori di altri- ha detto Frattini - e infatti siamo spesso richiesti in queste ore. Conosciamo l'ex Ministro della giustizia che ora è a capo del Consiglio provvisorio di Bengasi e quella rete di ambasciatori libici che ha detto che da ora loro sono al servizio del popolo e non del regime, alcuni di loro stanno esercitando un'azione importante per coagulare un consenso: noi lo facciamo ma lo facciamo discretamente e questa credo che sia la soluzione migliore”. Per quanto riguarda l’ipotesi di una decisione ONU-NATO sulla “no fly zone”, Frattini ha sottolineato che “è assai difficile pensare” all’ipotesi di “aerei militari italiani coinvolti sul terreno libico, ma la nostra lealtà euro-atlantica ci fa dire che le basi militari, il supporto logistico non potremmo negarlo”.

Sulla situazione in Libia e in tutto il Nord Africa il Ministro ha avuto uno scambio di vedute alla Farnesina con il suo omologo israeliano Avigdor Lieberman. Frattini ha in particolare ricordato la proposta italiana di un nuovo Patto fra l’Unione Europea ed i Paesi della sponda Sud per la stabilità e lo sviluppo della regione, fondato sui tre pilastri dell’assistenza economica, della partnership politica e dell’inclusione sociale, evidenziando che un nuovo quadro regionale è indispensabile anche per incoraggiare gli attori strategici dell’area ad un contributo di equilibrio e moderazione per la risoluzione delle crisi.

Sul fronte della missione umanitaria di aiuto ai profughi al confine tra la Libia e la Tunisia, appare risolta, grazie alla spola dei C-130 italiani, la situazione dei rimpatri dei profughi egiziani. E a Tunisi è arrivato l’Inviato speciale del Ministro Frattini per le emergenze umanitarie, Margherita Boniver. La missione italiana - ha detto dopo un incontro con il Sottosegretario per i problemi legati agli aiuti umanitari tunisino, Nuisser - non sarà "ingabbiata" su schemi precostituiti, ma "sarà modulata e rimodulata". Essa cioè si dovrà sviluppare nel tempo, non facendo soltanto fronte all'emergenza, ma anche adattandosi a tutte le esigenze che dovessero venire a determinarsi nel medio periodo, un “atto concreto di vicinanza ai tunisini che tanto si stanno spendendo su questo problema nonostante stiano attraversando il delicatissimo periodo della transizione”. Quindi, è stato posto l'accento sull'"emergenza" di migliaia di cittadini del Bangladesh che si trovano in condizioni di disagio e verso i quali l'Italia ha teso la mano. E grazie ai C-130 dell'Aeronautica militare sono stati rimpatriati molti cittadini egiziani e alcune centinaia di maliani.

Nave Libra della Marina Militare, partita l'altro ieri da Catania, è giunta stamani nel porto libico di Bengasi.

La nave con a bordo circa 25 tonnellate di aiuti alimentari e materiali di prima necessità donati dalla Cooperazione allo Sviluppo del Ministero degli Esteri, destinato alla popolazione di Bengasi.

Sul pattugliatore della Marina e' presente anche un'aliquota dei fucilieri del reggimento San Marco che ha il compito di assicurare la cornice di sicurezza alle operazioni di sbarco e distribuzione degli aiuti.

Durante il tragitto verso la Libia Nave Libra è statoaffiancato e scortato dalla Nave Comandante Bettica che già si trova in zona nell'ambito delle operazioni di sorveglianza marittima del Mediterraneo.

Oggi salperà da Taranto anche il cacciatorpediniere Andrea Doria della Marina Militare che farà da piattaforma per il controllo aereo del Mediterraneo meridionale. Unità multiruolo, l'Andrea Doria è in possesso di un armamento differenziato a seconda della minaccia che la rende idonea ad assolvere a numerose tipologie di missione.


Luogo:

Roma

11409
 Valuta questo sito