Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

L’Intervista: Amb. Ferrari, il Qatar con il Mondiale cambierà volto

Data:

01/04/2011


L’Intervista: Amb. Ferrari, il Qatar con il Mondiale cambierà volto

Storicamente, la mossa vincente del Qatar è stata quella di puntare, già negli anni '90, sulla tecnologia di liquefazione del gas naturale e di continuare ad investire in questa filiera dove si è affermato come un vero gigante, finanziando la modernizzazione sia sotto il profilo sociale (scuola, sanità, servizi, cultura, ricerca) che delle infrastrutture. La recente decisione della Fifa di assegnare al Qatar i Mondiali di calcio del 2022 è anche un'occasione per accelerare questo processo, come spiega a ‘Diplomazia Economica Italiana’ l'Ambasciatore italiano a Doha, Andrea Ferrari.

Tra vent'anni il Qatar sarà molto differente rispetto a oggi: sotto quali aspetti?

L'aggiudicazione dei Mondiali di Calcio nel 2022 ha costituito per il Qatar un successo senza precedenti. In molti avrebbero piuttosto scommesso su di un diverso esito della competizione alla vigilia della decisione della FIFA il 2 dicembre scorso anche perché gli sfidanti del piccolo Emirato erano Paesi del calibro di Stati Uniti, Giappone, Australia e Corea del Sud. Non vi è dubbio che tale prospettiva, il cui significato anche in termini di accresciuta immagine del Paese sul piano internazionale è sotto gli occhi di tutti, aprirà una nuova fase di tumultuoso sviluppo, per gestire la quale questa classe dirigente si sta già attrezzando, intendendo peraltro incanalarla lungo i binari del più ampio programma di crescita delineato nella c.d. Qatar National Vision 2030. Vale a dire, tararla sull'obiettivo di dare vita ad una società avanzata, in grado di assicurare un livello ed una qualità di vita elevati per tutta la popolazione, grazie anche alla capacità di garantire al Paese una crescita economica adeguata. Una visione che ha nella modernizzazione e nel mantenimento delle tradizioni, equilibrio tra bisogni delle generazioni presente e futura, nonché tra espansione economica sostenibile, sviluppo sociale e tutela ambientale, gestione della dimensione e qualità della manodopera straniera, le sue principali sfide.

Vision 2030 si pone il problema dei giovani: di come educarli e anche di come motivarli ad essere protagonisti della società del futuro. Con quali strumenti?

Il Qatar è un Paese in movimento. Ha certamente i suoi tempi e le sue dinamiche ma non può definirsi monolitico ed impermeabile al cambiamento. Guarda avanti, alla modernizzazione, senza dimenticarsi del suo passato e delle sue tradizioni. In questa visione, centrali sono la diffusione dell'istruzione ed una accentuata attenzione all'arte, alla musica ed alla cultura in generale che, unitamente ad una progressiva apertura verso l'esterno, intende diffondere soprattutto tra i giovani un approccio critico al sapere quale base essenziale di una loro più attiva e consapevole partecipazione alla crescita del Paese. Da qui, la nascita di molteplici enti scolastici, anche stranieri, di una vera e propria Città dell'Educazione (Education City), di un Parco Scientifico e Tecnologico per la ricerca applicata e di un Villaggio Culturale con al suo interno scuole di pittura, scultura e fotografia. Ma anche di Musei (ad esempio quelli di Arte islamica e di Arte araba moderna), di un'orchestra filarmonica e di un ente cinematografico nazionali.

Un'altra trasformazione sociale dovrebbe riguardare la composizione e lo statuto della consistente popolazione immigrata. Sotto quale profilo?

Il sostenuto sviluppo economico del Qatar se, come è attualmente nelle previsioni di tutti i principali osservatori, verrà mantenuto negli anni a venire, avrà un impatto anche nella composizione della struttura sociale del Paese. Nell'attuale fase storica, che non ha nel terziario il suo settore prevalente, buona parte della popolazione immigrata è scarsamente qualificata. In prospettiva, grazie anche agli sforzi della classe dirigente del Paese in favore di una più accentuata diversificazione dell'economia nazionale, il settore dei servizi dovrebbe svilupparsi a tassi più elevati rispetto ad altri e conseguentemente favorire l'afflusso dall'estero di personale di ben altro profilo professionale, ma anche di estrazione socio-culturale più sofisticata che dovrebbe avere un impatto all'interno nei riguardi della popolazione autoctona.

Sport ma anche cultura, tecnologia e ricerca: in Qatar c'è molto spazio per queste attività. Si aprono quindi anche opportunità per istituzioni e imprese italiane?

L'Italia gode in Qatar, come suol dirsi, di ottima stampa. A noi da qui si guarda con sincera amicizia e considerazione. Nostre aziende hanno contribuito negli anni, con la realizzazione di importanti progetti

industriali nei settori chiave dello sviluppo del Paese, alla sua sostenuta crescita. Sul piano economico-commerciale l'interscambio bilaterale negli ultimi 5/6 anni si è più che quintuplicato, attestandosi, secondo le ultime statistiche disponibili che si fermano al novembre 2010, ad oltre 2 miliardi di euro. Sul piano politico, il susseguirsi di delegazioni ad alto livello da e per l'Italia non si è sostanzialmente mai interrotto, a testimonianza di un sincero interesse reciproco a mantenere elevato il flusso di contatti. Anche negli ambiti culturale, dell'educazione e scientifico sono allo studio iniziative, con l'Università di Doha, il Villaggio Culturale ed il Parco Scientifico e Tecnologico di Doha, dalle quali potranno auspicabilmente partire dei volani positivi grazie ai quali consolidare la nostra posizione qui. La prospettiva dei Mondiali di calcio del 2022 dovrebbe aprire ulteriori opportunità che intendiamo cogliere appieno.

Il Qatar è un Paese molto piccolo, ma dispone di risorse e influenza in una regione strategica del mondo: quale ruolo può svolgere sotto il profilo economico e politico in questo contesto?

Per dimensioni geografiche e densità di popolazione il Qatar è paragonabile al nostro Abruzzo, ma è molto ricco: terzo produttore mondiale di gas, primo esportatore di GNL, uno dei Paesi a più alto reddito pro-capite e tasso di crescita in termini reali del PIL. Anche grazie alla sua ricchezza, il Qatar ha saputo tessere una estesa rete di contatti e rapporti internazionali che gli consentono di svolgere un ruolo crescente sul palcoscenico non solo regionale. Un ruolo svolto con pragmatismo, in favore del dialogo e della stabilità, anche al fine di procedere sulla via dello sviluppo e delle riforme, molto saggiamente avviate al proprio interno.

Negli investimenti esteri il Qatar è fortemente orientato all’immobiliare, anche per quanto riguarda l'Italia. È possibile allargare l'interesse degli investitori verso altri aspetti del nostro Paese e altre forme di partnership con imprese italiane?

Come detto il rapporto bilaterale dell'Italia con il Qatar è ottimo sotto tutti gli aspetti, compreso quello degli investimenti in merito ai quali abbiamo operato e stiamo operando al fine di espandere e consolidare la partnership.


Luogo:

Rome

11557
 Valuta questo sito