Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Immigrazione: Europa timida, delusione italiana

Data:

11/04/2011


Immigrazione: Europa timida, delusione italiana

Delusione italiana al termine del Consiglio dei Ministri degli Interni UE sull’immigrazione clandestina. "L'Italia è stata lasciata da sola", ha commentato il Ministro Maroni, spiegando che la riunione si è conclusa con un documento, sul quale c'è stata la sua astensione, “che non prevede alcuna misura concreta”. “L’Italia è delusa dai governi degli Stati membri, non dalle istituzioni comunitarie europee”, ha spiegato Maroni, che si aspettava “una risposta di vera solidarietà da parte dei Paesi europei” che invece non c’è stata. Il Ministro ha riservato un ringraziamento alla Commissaria agli Affari interni Malmstrom, "molto attiva nei limiti delle possibilità della Commissione".

E il disappunto non è stato nascosto neanche dal Ministro Frattini: "Siamo estremamente delusi dal comportamento dell'Europa che non potevamo neanche immaginare", ha commentato da Londra, dove era impegnato in un incontro con il britannico Hague. Quindi ha affermato: “L'Europa resti con il suo egoismo. Noi troveremo altre soluzioni”.

A Lussemburgo non è stata accolta la richiesta italiana - e maltese - di attivare la direttiva per la protezioni temporanea dei rifugiati. “La maggioranza dei Paesi ritiene che la direttiva può essere utilizzata ma che non siamo ancora al punto di farlo”, ha spiegato la Commissaria Malmstrom, ricordando come quelle norme risalgano alla crisi del Kosovo, e quindi riguardano una situazione di "centinaia di migliaia di profughi".

Non c’è stata invece opposizione ai permessi di soggiorno temporanei rilasciati dall’Italia, “unica nota positiva” secondo Maroni. L’Italia “ha tutti i diritti ed i titoli” per concederli, ha spiegato Malmstrom, aggiungendo che affinché tali permessi siano validi per circolare nello spazio Schengen, "devono rispettare i criteri previsti".

Luogo:

Roma

11605
 Valuta questo sito