Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Cina: cento artisti italiani per interpretare la “Venezia d’Oriente”

Data:

10/05/2011


Cina: cento artisti italiani per interpretare la “Venezia d’Oriente”

"Seguendo il Cammino di Marco Polo: Artisti Italiani dipingono Hangzhou", e’ l’iniziativa organizzata dall'Hangzhou Cultural Brand Promotion Organization, presentata nella città di Hangzhou, nella provincia dello Zhejiang. Cento artisti italiani ad Hangzhou, a gruppi di dieci ogni 15 giorni circa, soggiorneranno ad Hangzhou ed esprimeranno graficamente le loro impressioni sulla "Venezia d'Oriente" in due composizioni artistiche ad olio su tela. Al termine del progetto (orientativamente nel mese di Novembre prossimo), le 200 opere saranno esposte metà a Venezia e metà ad Hangzhou. Le spese di viaggio e soggiorno dei cento artisti sono a carico della Municipalità di Hangzhou: si tratta quindi di uno dei più grandi progetti di interscambio artistico tra Cina e Italia degli ultimi anni e dimostra quanto le autorità cinesi tengano in considerazione l'arte contemporanea italiana nelle sue facoltà interpretative e creative. Hangzhou rappresenta il luogo chiave delle relazioni tra i due paesi sin da quando fu descritto dal grande viaggiatore e mercante veneziano ne "Il Milione". Ancora oggi questa città ricorda con gratitudine le parole usate da Marco Polo. Alla cerimonia di presentazione del progetto organizzata dalla Municipalità di Hangzhou, dal Comune di Venezia e da Assoartisti-Confesercenti, hanno partecipato il Vice Sindaco della Città di Hangzhou con delega per la cultura, Mr. Chen Xiaoping, il Vice Segretario del Partito Comunista Cinese di Hangzhou, Mr. Zhang Lian Shui, e alti funzionari della Municipalità. Da parte italiana l'on. Laura Fincato in qualità di Delegato del Comune di Venezia, il Presidente dell'Associazione italiana degli Artisti Confesercenti, Gabriele Altobelli, il curatore Carmine Siniscalco e gli artisti Solveig Cogliani, Claudia Bellocci, Piero Mascetti e Alexander Jakhnagiev. Durante il discorso di apertura, il reggente dell’ Istituto italiano di cultura Sabbatini ha colto l'occasione per ribadire l'importanza della figura di Marco Polo nel quadro dei rapporti tra Italia e Cina, passati e futuri ed ha presentato alcuni artisti cinesi che potrebbero collaborare con quelli italiani.


Luogo:

Firenze

11741
 Valuta questo sito