Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Italia-Iraq: Frattini a Baghdad, ancora protagonisti nella ricostruzione

Data:

08/06/2011


Italia-Iraq: Frattini a Baghdad, ancora protagonisti nella ricostruzione

Mantenere il rapporto privilegiato dell'Italia con l'Iraq e restare i principali attori della ricostruzione in settori strategici del Paese. E' questo l'obiettivo della missione del Ministro Franco Frattini, oggi a Baghdad per la seconda riunione della Commissione mista italo-irachena - in cui saranno firmati accordi economici - e per colloqui con il Presidente Jalal Talabani, il premier Nuri al Maliki e il Ministro degli Esteri Hoshyar Zebari.

Il messaggio politico di Frattini alle più alte cariche dello Stato - ha spiegato il portavoce, Maurizio Massari - sarà che, nonostante "le criticità e le difficoltà" che permangono, "l'Italia ha fiducia nell'Iraq e nel suo futuro stabile, democratico e multietnico di cui potrà beneficiare l'intera regione". Il Ministro vedrà a Baghdad anche l'arcivescovo di Erbil, mons. Bashar Matti Warda, come segno dell'"attenzione costante al trattamento e ai diritti delle minoranze, in particolare quelle cristiane".

La riunione della Commissione mista si articolerà su tre tavoli: quello economico, con una nutrita delegazione di imprenditori italiani, quello della Cooperazione allo sviluppo e quello della Difesa. Inoltre, saranno firmati accordi importanti, tra cui uno sulla promozione e protezione degli investimenti, e ne verrà parafato uno sui servizi aerei.

L'Italia è il primo partner commerciale europeo dell'Iraq, con un interscambio di 3,5 miliardi di euro, mentre sul fronte della Cooperazione il nostro Paese ha stanziato dal 2003 3,3 miliardi di dollari (di cui 2,4 miliardi come cancellazione del debito, 475 milioni in dono e 400 milioni in linee di credito). Attraverso la Cooperazione, inoltre, negli ultimi sette anni l'Italia ha formato 9000 agenti e negli ultimi mesi addestrato la polizia petrolifera, oltre ad aver sostenuto progetti di 'institutional building'.

Il Ministro Frattini parteciperà infine, nel sito archeologico di Ur, a Nassiriya, alla cerimonia di chiusura del Prt (provincial reconstruction team), "l'unico a carattere civile e non a guida americana" attivo dal 2006, alla presenza delle autorità locali, del vice-ambasciatore americano Stuart Jones e dei vertici militari Usa della base di Tallil. Nonostante questa chiusura, ha assicurato Massari, "il nostro impegno continuerà".


Luogo:

Roma

11885
 Valuta questo sito