Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Il futuro del sistema produttivo italiano, dibattito a Pechino

Data:

22/06/2011


Il futuro del sistema produttivo italiano, dibattito a Pechino

L'Ambasciata e l'Accademia Cinese delle Scienze Sociali hanno organizzato un seminario congiunto sull'economia italiana al quale ha preso parte il dott. Matteo Bugamelli, dirigente presso il Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d'Italia, il cui intervento si e' incentrato su un inquadramento di lungo periodo del sistema produttivo italiano, colpito negli ultimi quindici anni da importanti shock esogeni quali la globalizzazione, la moneta unica europea e la rivoluzione tecnologica.

L'integrazione dei mercati sta offrendo anche nuove opportunita' alle imprese italiane internazionalizzate, che beneficerebbero notevolmente di una riallocazione delle risorse a favore di quelle piu' produttive, e di una crescita della propria dimensione media che consenta di assorbire i costi fissi connessi con l'avvio di un'attivita' di esportazione o di produzione all'estero e di cogliere le economie di scala implicite nell'attivita' di innovazione tecnologica.

Nel corso del suo intervento il dott. Bugamelli ha evidenziato in particolare il ruolo della questione dimensionale, per l'influenza peculiare che ha sull'insieme delle decisioni strategiche dell'impresa. La piccola dimensione rende infatti difficile assorbire i costi fissi connessi con l'avvio di un'attivita' di esportazione o di produzione all'estero e non consente di cogliere le economie di scala implicite nell'attivita' di innovazione tecnologica. Appare dunque prioritario delineare misure che sollecitino le imprese ad accrescere la loro dimensione, superando una visione restrittiva del controllo familiare. Occorre inoltre perseguire organicita' e stabilita' del quadro normativo e vanno previsti meccanismi di monitoraggio e valutazione delle misure di politica industriale, che servano a selezionare quelle piu' efficaci, in una prospettiva ampia che tenga conto delle interconnessioni e delle complementarita' tra gli strumenti.

Nella discussione che ne e' seguita sono state approfondite anche le tematiche della crisi dei debiti sovrani nell'Eurozona e del ruolo svolto dalle credit agenzie al riguardo, dell'impulso assicurato dal sistema finanziario nel supportare lo sviluppo del Paese, delle analogie tra Italia e Cina nelle difficolta' di accesso al credito sofferte dalle piccole e medie imprese.


Luogo:

Rome

Tags:

Asia

11968
 Valuta questo sito