Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Italia-Russia: Frattini, si conferma il partenariato strategico

Data:

24/06/2011


Italia-Russia: Frattini, si conferma il partenariato strategico

“Un partenariato strategico davvero speciale”. Così il Ministro Franco Frattini ha definito le relazioni italo-russe al termine del Consiglio di Cooperazione economica, industriale e finanziaria che si è svolto alla Farnesina.

La Russia, ha spiegato Frattini, è “partner fondamentale per la governance internazionale e per la sicurezza e la stabilità nel mondo” e l’Italia “sostiene con forza le aspirazioni russe all’ingresso nel Wto e nell’Ocse” e “sempre più strette relazioni con l’Ue su politica, economia ed energia”.

Con l’Italia, ha aggiunto il Ministro, i rapporti sono “eccezionali” e “siamo impegnati a raggiungere un livello di interscambio commerciale pari e superiore a quello pre-crisi”. C’è “collaborazione nei settori più importanti dell’economia, nella ricerca scientifica e tecnologica”, come nel caso del SuperJet 100 Alenia-Sukhoi, e “siamo interessati ad aumentare la presenza delle imprese italiane in Russia”, come ad esempio la Fiat, orientata ad aprire uno stabilimento, “ e altre piccole e medie imprese nei settori delle infrastrutture e dell’alta velocità”. Frattini ha citato anche la cooperazione scientifica con il progetto IGNITOR e quella energetica con il gasdotto SouthStream e una “rete intelligente” dell’Enel. Per quanto riguarda il turismo, Frattini ha spiegato che l’Italia punta a emettere 650.000 visti per cittadini russi quest’anno, rispetto ai 430.000 dell’anno scorso.

Il VicePremier e Ministro delle Finanze russo, Alexeij Kudrin, che ha co-presieduto il Consiglio, ha sottolineato che la cooperazione italo-russa è “fattore di stabilità in Europa e nel mondo” e i due paesi “si completano”. Ora l’obiettivo è di “ampliare ulteriormente la collaborazione economica”. La Russia - ha aggiunto - è impegnata in un programma di privatizzazioni di compagnie pubbliche “a cui le imprese italiane potranno partecipare”, ad esempio nel settore finanziario, bancario e della cantieristica navale. Nei prossimi anni, inoltre, il governo russo “vorrà diversificare la sua economia, estraendo più petrolio ed abbassando le barriere per attrarre investimenti”.

Tra i due Paesi sono intensi anche i legami culturali. Kudrin ha reso noto che entro quest’anno riaprirà il teatro Bolshoi e la prima compagnia straniera che verrà ospitata sarà quella della Scala di Milano.


Luogo:

Rome

11976
 Valuta questo sito