Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

La cultura italiana nella promozione del “Sistema Paese” all’estero

Data:

07/07/2011


La cultura italiana nella promozione del “Sistema Paese” all’estero

Le borse di studio ai cinesi, ormai decine di migliaia. Gli Istituti Italiani di Cultura a Mumbai, ad Abu Dhabi, in Vietnam. La fine della 'logica degli eventi', con gli anni italiani in Giappone, Cina, Russia, iniziative ripetibili e riconosciute. Una "superpotenza culturale" come l'Italia deve utilizzare le sue risorse anche in politica estera. E il Ministro Franco Frattini elenca i tasselli di una nuova "strategia organica" nella promozione della cultura italiana all'estero. In collaborazione, fra l'altro, col ministero del Turismo, col Miur, e gli Enti locali. Fra le linee guida di un documento presentato alla Camera in un'audizione davanti alle Commissioni congiunte di Affari esteri e Cultura, ci sono un forte partenariato fra pubblico e privato, una nuova visione manageriale della promozione culturale, nuova attenzione alla comunicazione - "per migliorare la percezione del Paese, aldilà dello sport nazionale di darsi bastonate addosso" -, l'impegno di attrarre giovani stranieri per la formazione post-universitaria nel Belpaese con l'aiuto delle imprese. La lingua italiana - cui sarà dedicata nel prossimo autunno una settimana mondiale intitolata 'Buon compleanno Italia', mentre 'tema contenitore' nel 2012 sarà 'L'Italia dei territori e l'Italia del futuro - è parte di questo progetto. Il ministero investe già 16,3 milioni per far studiare 37 mila italiani all'estero. E sono 280 mila gli studenti stranieri di lingua italiana ai corsi del Dante Alighieri: "Numero che vogliamo veder crescere. Nel mondo l'italiano non è più la lingua degli emigranti e dei loro discendenti, ma è una lingua di cultura. In Israele è materia d'esame alla maturità. Negli Usa è la terza più studiata". Tassello cruciale del documento, gli istituti di cultura italiana all'estero. "Tra i nostri punti di forza ci sono gli 89 istituti - ha detto il Ministro - in 60 Paesi. La rete soffre però di carenze gravi strutturali". Oggi non si può essere presenti solo nei Paesi europei e in quelli più vicini all'Italia, "ignorando Cina, India, America del Sud, Medio Oriente o l'area caucasica". Se dunque gli istituti di cultura italiana di Berlino, New York, Los Angeles diverranno "poli" in grado di "irradiare" la loro presenza nelle altre regioni della Germania e degli Usa, oggi non si può fare a meno di istituti italiani nel Maghreb, in Palestina, in Giordania, nel Vietnam.


Luogo:

Roma

12024
 Valuta questo sito