Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Cooperazione: Angola, bambini in città sicure

Data:

13/07/2011


Cooperazione: Angola, bambini in città sicure

Cooperazione Italiana impegnata per la protezione dei minori in Angola. L’Ambasciatore italiano a Luanda Giuseppe Mistretta ha inaugurato un progetto finanziato dal MAE e realizzato dall’Ong CIES, già attivo dallo scorso dicembre, che ha come obiettivo la protezione e l'inclusione sociale di 1.300 minori a rischio di marginalizzazione e devianza nelle province di Luanda e Benguela.

Tre le principali aree di intervento: formazione professionale e inserimento lavorativo, integrazione sociale, sensibilizzazione della societa' civile e formazione delle istituzioni. Elaborato congiuntamente dal CIES e dall'Ong angolana Kandengues Unidos, il progetto coinvolge a vario titolo realta' della societa' civile e numerose istituzioni angolane (INAC, Ministero del Lavoro, Ministero del reinserimento sociale, Ministero per la gioventu' e lo sport, Governo della Provincia di Luanda, Governo della Provincia di Benguela, varie Amministrazioni Municipali).

L’Ambasciatore Mistretta ha ribadito l'impegno della Cooperazione Italiana nel settore della protezione dei minori, educativo e della formazione, sottolineando come tale progetto non rappresenti un caso isolato, ma segua altre importanti iniziative finanziate dall'Italia nello stesso ambito, tra cui in particolare il programma di sostegno alla Giustizia minorile appena concluso implementato da UNICRI, con la partecipazione dello stesso CIES nella prima fase (per il quale e' prevista per il 15 luglio p.v. una cerimonia di chiusura, alla presenza del Vice Ministro della Giustizia).

Alla cerimonia di presentazione del progetto hanno preso parte anche il Vice Governatore di Luanda per gli Affari politici e sociali, Jovelina Imperial, il direttore dell'Istituto Nazionale per l'Infanzia (INAC), oltre a numerosi rappresentanti delle varie istituzioni locali e delle organizzazioni della società civile angolana coinvolte.


Luogo:

Roma

12055
 Valuta questo sito