Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Frattini in Cina - Partnership economica sempre più stretta

Data:

22/07/2011


Frattini in Cina - Partnership economica sempre più stretta

Stringere una più stretta alleanza con la Cina per attrarre in Italia investimenti e sviluppare una partnership industriale tra imprese e distretti. Questo l’obiettivo della visita del Ministro Frattini nella provincia del Guandong, il ‘cuore pulsante’ dell’economia e del dinamismo cinese. Con il segretario del partito della provincia, il Ministro ha chiuso un accordo di collaborazione economica e per uno scambio formativo di studenti cinesi in Italia e viceversa, un accordo ‘pilota’ che guarda più lontano verso una sempre più stretta alleanza a 360 gradi sul fronte economico-commerciale.

Anche se la missione in Cina era mirata a far fare un salto di qualità alle relazioni "già eccellenti", superando il classico modello del bilaterale economico verso una vera partnership globale politica, nell'agenda cinese di Frattini - anche in quell'ottica di diplomazia economica cui la Farnesina punta sempre di più - c'erano anche gli interessi commerciali ed economici Italia-Cina, verso l'obiettivo del raddoppio dell'interscambio a 90 miliardi di dollari da oggi (che sono a quota 45 miliardi) al 2015. E di un sempre maggior feeling con un Paese che non solo è protagonista sui mercati mondiali e sui grandi temi dell'agenda globale ma è anche il primo investitore straniero nei titoli di Stato italiani con una quota che stime fotografano intorno al 13%.

La Cina, tra l’altro, ha ingenti risorse da investire in un momento in cui l’Europa è alle prese con politiche di austerity. L'Italia - con la visita di Frattini - ha portato così in Cina le sue 'credenziali': ha rassicurato sui propri conti invitando Pechino a continuare a comprare titoli di Stato e ad investire anche nel Sistema Paese. Un Sistema che sarà rappresentato fisicamente a Shanghai, con la donazione del padiglione italiano dell’Expo e che sarà trasformato, dal prossimo marzo, in una vetrina permanente del genio italiano e di quello che è capace di fare, dal design alla moda passando per l'enogastronomia.


Luogo:

Pechino

12091
 Valuta questo sito