Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Afghanistan: Inviato Speciale Farnesina, con Herat il nostro futuro

Data:

12/09/2011


Afghanistan: Inviato Speciale Farnesina, con Herat il nostro futuro

Con la fase di transizione ormai in atto, l'Italia pianifica le tappe che la porteranno a continuare il suo appoggio all'Afghanistan anche dopo il 2014, con la convinzione che la provincia di Herat farà parte del nostro futuro. Lo ha dichiarato l'Inviato Speciale della Farnesina per l’Afghanistan ed il Pakistan, Francesco Talò, giunto ormai alla conclusione della sua prima visita afghana.

Dopo l'incontro con il presidente Hamid Karzai a Kabul, Talò si è recato ieri ad Herat, sede del contingente militare italiano guidato dal generale Carmine Masiello e area dove si è concentrata gran parte degli investimenti civili italiani di questi anni.

"Ho voluto incontrare il procuratore generale di questa provincia, Maria Bashir, che è l'unica donna a ricoprire questo incarico in Afghanistan - ha detto - che mi ha ribadito come sia importante lottare contro la criminalità e la ribellione, e difendere a tutti i costi lo stato di diritto". Grata per l'impegno italiano, manifestatole personalmente mesi fa dal ministro degli Esteri, Franco Frattini, la Bashir ha detto all'ANSA che "molti cambiamenti, o meglio semi cambiamenti, vi sono stati in questi anni in Afghanistan, nel campo dei diritti umani, nel sistema giudiziario e nella giustizia nel suo complesso. Ma abbiamo bisogno ancora di tempo e dell'appoggio di paesi come l'Italia".

Nell'incontro con il governatore di Herat, Daud Shah Saba, l'inviato della Farnesina, accompagnato dalla responsabile dell'Unità Afghanistan del ministero degli Esteri, Nicoletta Bombardiere, e dal responsabile civile della Nato a Herat, Claudio Taffuri, ha detto che è emersa "soddisfazione per le relazioni con l'Italia, sia nella sua componente militare, che civile". E in questo momento, ha sottolineato Talò, "stiamo lavorando per evidenziare il cammino che ci deve portare ad un rapporto con gli afghani e la provincia di Herat che passi dalla mera cooperazione assistenziale a quella economica. E lo facciamo come 'sistema Italia', come testimonia la contemporanea presenza qui di una delegazione del ministero dello Sviluppo economico che studia la realizzazione del nuovo aeroporto cittadino".

Luogo:

New York

Tags:

Asia

12209
 Valuta questo sito