Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Frattini in Albania, serve un patto politico per l’UE

Data:

13/09/2011


Frattini in Albania, serve un patto politico per l’UE

L'Albania ha bisogno di un "patto politico per l'Ue", una collaborazione tra maggioranza e opposizione per procedere sulla strada di quelle riforme necessarie al processo di avvicinamento all'Europa. Ne è convinto il Ministro Franco Frattini, che ieri è volato a Tirana con il collega greco, Stavros Lambrinidis - nell'ambito di una missione congiunta, concordata con il commissario europeo all'allargamento, Stefen Fuele - per una serie di incontri ai massimi livelli del governo e dell'opposizione albanesi. E per lanciare un messaggio chiaro: l'agenda della riforme e le risposta alle priorità poste dall'Ue per l'avvicinamento di Tirana devono essere portate avanti presto, con un impegno bipartisan.

"Se c'è la volontà politica - ha spiegato Frattini nel corso di un incontro con la stampa al termine della sua missione a Tirana - le cose possono essere fatte in tempo per lanciare un messaggio all'Europa", anche in vista del 'Progress Report' che la commissione esaminerà il 12 ottobre prossimo.

"Noi vogliamo avere l'Albania in Ue ed è nel suo interesse esserci" ed il paese "ha molte chance di entrare a far parte della famiglia europea" e "credo che molti progressi" nell'avvicinamento siano possibili, ha detto Frattini al termine dell'incontro con il premier albanese, Sali Berisha, e il presidente della Repubblica Bamir Topi. Ma anche con il leader dell'opposizione, Edi Rama, che proprio qualche giorno fa ha riportato il suo partito socialista a partecipare ai lavori dell'assemblea parlamentare, lanciando un messaggio positivo anche per il lavoro sulle riforme necessarie all'avvicinamento all'Ue, molte delle quali necessitano di una maggioranza dei tre quinti del Parlamento.

"Speriamo in veloci passi avanti e di poter essere, nel prossimo futuro, più ottimisti sul processo di adesione albanese", ha aggiunto il ministro degli esteri greco, ricordando che Italia e Grecia sono due "pilastri di supporto" all'adesione di Tirana all'Ue. Come sottolineato anche da Frattini che ha ricordato il sostegno italiano al processo di liberalizzazione dei visti.

L'Ue ha posto a Tirana, dopo la richiesta di adesione arrivata un anno fa, una serie di condizioni. Una lista di '12 Key Priorities' che vanno dalla riforma elettorale al corretto funzionamento dell'attività parlamentare, alla lotta alla corruzione ed al crimine organizzato.


Luogo:

New York

12213
 Valuta questo sito