Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Cooperazione: Afghanistan, Herat avrà un centro ambulanze

Data:

16/09/2011


Cooperazione: Afghanistan, Herat avrà un centro ambulanze

Prosegue l’impegno civile dell’Italia in Afghanistan. Con le cerimonie di posa della prima pietra, sono iniziati i lavori per la costruzione di una centrale operativa per la risposta alle emergenze sanitarie, che sarà attiva 24 ore su 24, e la costruzione di due nuovi comandi di polizia ad Herat. Il progetto per la creazione del pronto intervento è uno di quelli realizzati dal Provincial Reconstruction Team (Prt), su base del 132/o Reggimento dell'Artiglieria di Maniago e dalla Cooperazione Italiana.

L'obiettivo è quello di creare un vero e proprio pronto intervento, unico nella regione Ovest dell'Afghanistan. Verrà realizzato in un edificio dedicato, vicino all'ospedale di Herat. Una centrale operativa attiva giorno e notte, dotata di 7 linee telefoniche, propri medici e infermieri, sarà costantemente collegata a 5 ambulanze che saranno messe al servizio gratuito della popolazione attraverso il numero d'emergenza. Il centro di pronto intervento, oltre a dare impulso allo sviluppo dell'imprenditoria locale che impiega materiale e manodopera locale, darà occupazione a circa 50 persone, per le quali la Cooperazione Italiana provvederà alla formazione e professionalizzazione.

La centrale delle ambulanze sarà il secondo centro di pronto intervento sanitario in tutto il Paese dopo quello di Kabul. Una volta completate le opere di costruzione, la Cooperazione Italiana provvederà all’equipaggiamento della struttura, compreso l’acquisto di cinque ambulanze, e alla formazione del personale. Verranno sostenuti anche i costi di gestione per il primo anno di funzionamento della centrale. La Cooperazione Italiana ha, inoltre, facilitato il primo accordo interistituzionale di cooperazione tra la Centrale delle Ambulanze di Kabul e quella di Herat per la condivisione di conoscenze e risorse tra le due strutture.

I comandi di polizia sono invece realizzati in stretta cooperazione con le forze di sicurezza di Isaf e inseriti in una strategia ideata dal Governo afgano volta al supporto della polizia impegnata nella provincia con oltre 2 mila uomini.


Luogo:

Roma

12225
 Valuta questo sito