Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Cooperazione: carestia in Kenya, donato un veicolo per trasportare cibo

Data:

21/09/2011


Cooperazione: carestia in Kenya, donato un veicolo per trasportare cibo

In risposta alla grave carestia che continua ad affliggere la popolazione keniana, il Governo Italiano ha donato alla Croce Rossa del Kenya il veicolo Iveco “ICARUS”. La cerimonia di consegna è avvenuta il 20 settembre a Nairobi alla presenza dell’ambasciatore d’Italia, Paola Imperiale, del segretario generale della Croce Rossa del Kenya Abbas Gullet e del team della Croce Rossa Italiana.

L’automezzo verrà utilizzato per il trasporto di cibo, medicinali e altri generi di prima necessità alle popolazioni del Lago Turkana al centro dell’attuale crisi umanitaria. Il veicolo sarà usato anche dal team italiano della Croce Rossa, attualmente impegnato a prestare soccorso nel Turkana, un’area tipicamente desertica di difficile accesso situata al confine con il Sudan, dove l’Icarus costituisce, per le sue caratteristiche, il mezzo più idoneo per la movimentazione di uomini e materiali.

L’operazione è stata possibile grazie al supporto dell’Aeronautica Militare che ha disposto - per il tramite della Sala Situazioni del 3° Reparto SMA - l’impiego di un velivolo C-130J della 46^ Brigata Aerea di Pisa per il trasporto di Icarus dall’aeroporto di Pratica di Mare (RM) a quello di Nairobi in Kenya.

Secondo l’Agenzia delle Nazioni Unite per l’Infanzia (UNICEF), le persone a rischio fame sono stimate al momento intorno ai tre milioni e mezzo in Kenya ed i tassi di malnutrizione acuta nel nord del Kenya sono ora sopra il 25%, con il record di quasi il 40% nel solo distretto del Turkana. Nell’area negli ultimi mesi sono stati riportati oltre 1,000 casi di colera, meningiti ed epidemie di polio, soprattutto bambini, causate principalmente dalla carenza di acqua. La minaccia di tali malattie per bambini, già indeboliti dalla mancanza di cibo ed acqua, determina l’esigenza immediata di condurre vaste campagne di vaccinazione al fine di evitare disastri umanitari di più ampie proporzioni.

Tale intervento si aggiunge ai recenti voli umanitari predisposti dal Governo italiano per un valore complessivo superiore ai 600.000 euro nonché agli interventi d’emergenza finanziati dalla DGCS in gestione diretta per oltre 2 milioni di euro.


Luogo:

New York

12239
 Valuta questo sito