Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Consiglio europeo: Frattini, non rinvii ma decisioni

Data:

19/10/2011


Consiglio europeo: Frattini, non rinvii ma decisioni

E' necessario "trovare una soluzione credibile e definitiva che possa dissipare ogni dubbio sulle capacità dell'Ue di sostenere la Grecia e della stessa capacità" di Atene "di rimanere nell'area Euro". E' quanto ha detto il Ministro Franco Frattini, intervenendo alla Camera ad una audizione in vista del prossimo Consiglio europeo di domenica a Bruxelles. L'Italia, ha proseguito Frattini, "si aspetta misure, decisioni e non rinvii. Una parola finale, definitiva sulla Grecia perché non possiamo immaginare l'uscita del Paese dall'Euro".

Bisogna "mettere fine a tentazioni intergovernative", ha ribadito il capo della diplomazia italiana sottolineando, ancora una volta, "perplessità" sulle "preoccupanti tendenze a posizioni intergovernative a scapito di un approccio comunitario: dobbiamo attribuire un ruolo centrale alla Commissione Ue". Frattini ha sottolineato anche che al centro del Consiglio ci sarà anche il tema della crescita: “gli Stati membri - ha detto - dovranno indicare le priorità nazionali, convergenti con quelle degli altri Stati membri, riguardo al rigore da un lato e alla crescita e lo sviluppo dall'altro". “L'aspetto sostanziale della riforma della governante economica europea è una crescita più forte e duratura dell'Ue con un rilancio dell'occupazione, una sorveglianza multilaterale ed una solidarietà tra gli Stati membri che non riguarda solo la Grecia", ha aggiunto il Ministro. "Bisogna accelerare sulle politiche di stabilità ma soprattutto di crescita", ha ribadito, ricordando che bisogna "incentivare la crescita in una congiuntura economica in cui solo il rigore rischia di non rispondere alle aspettative".

Il Ministro si e' detto favorevole all'ipotesi avanzata dalla Germania di un innalzamento del fondo salva-Stati ma anche alla possibilità di anticipare la sua trasformazione in un meccanismo permanente al 2012. "Apprezzo la visione tedesca di un aumento del fondo fino a 1.000 miliardi: il fondo deve essere rafforzato con leve finanziarie e l'obiettivo è aumentarlo", ha spiegato il Ministro sottolineando che sarebbe anche utile "anticipare l'entrata in vigore di un meccanismo europeo di stabilità permanente che sostituisca il fondo salva-Stati per eliminare l'incertezza legata alla temporaneità di questo meccanismo: sarebbe un vantaggio", ha aggiunto.


Luogo:

Roma

12417
 Valuta questo sito