Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Religioni e relazioni internazionali: seminario della Farnesina a Trento

Data:

24/10/2011


Religioni e relazioni internazionali: seminario della Farnesina a Trento

Giunto alla sua terza edizione, si è tenuto il 20-21 ottobre scorso a Trento l’ormai tradizionale seminario su religioni e relazioni internazionali, organizzato dal Ministero degli Esteri (Unità di analisi, programmazione, statistica e documentazione storico-diplomatica della Segreteria Generale) in collaborazione con ISPI e Provincia di Trento. Alla luce delle trasformazioni in corso nei paesi della sponda sud del Mediterraneo, l’evento è stato quest’anno dedicato al tema "The Euro-Mediterranean Region: religions and new perspectives for dialogue". Come di consueto, il seminario si è tenuto in concomitanza con il Religion Today Festival, festival internazionale di "corti" su tematiche religiose e ha visto la partecipazione di eminenti accademici, esperti e rappresentanti politici e religiosi provenienti da Stati Uniti, Europa e Mediterraneo-Medio Oriente.

L’obiettivo del seminario 2011 era la valutazione di prospettive di dialogo tra attori sociali e politici di ispirazione religiosa delle due rive del Mediterraneo, alla luce dell’esperienza storica e corrente di interazione tra sfera religiosa e politica in molti paesi europei (dalla presenza di partiti di matrice democratico-cristiana ai dibattiti attuali su questioni quali il crocefisso ed il velo) e in vista di un verosimile ingresso di partiti religiosi in molti degli scenari politico-elettorali dei paesi mediterranei e mediorientali, come dimostrano le recenti elezioni in Tunisia.

Dal dibattito è emersa una generale convergenza sull’opportunità di stabilire e intensificare scambi di idee e di esperienze sul rapporto tra religione e politica a nord e a sud del Mediterraneo. Un rapporto, che anche in Europa e negli Stati Uniti è infatti ancora lungi dall’essere considerato in maniera pacifica, come ha dimostrato il lungo e acceso dibattito sul rapporto tra "secolarismo" e "post-secolarismo" che ha animato la prima sessione. Nella promozione di tale dialogo, un ruolo importante potrà essere svolto anche dalle comunità islamiche presenti in Europa.

La perfetta organizzazione dell’evento è stata garantita anche dall’impeccabile e generosa ospitalità della Provincia di Trento, rappresentata dall’Assessore alla solidarietà internazionale e alla convivenza Lia Giovanazzi Beltrami, oltre che dell’Arcivescovo di Trento Mons. Luigi Bressan.


Luogo:

Roma

12435
 Valuta questo sito