Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

L’Italia celebra i primi 150 anni - I documenti ufficiali relativi al riconoscimento dell’Italia quale nuovo Stato nazionale

Data:

26/10/2011


L’Italia celebra i primi 150 anni - I documenti ufficiali relativi al riconoscimento dell’Italia quale nuovo Stato nazionale

In occasione delle celebrazioni per il 150° anniversario dell’Unità d’Italia, sul sito della Farnesina sarà pubblicata, per tutto il corso dell’anno, una serie di documenti ufficiali relativi al riconoscimento dell’Italia quale nuovo Stato nazionale. Custoditi presso l’Archivio Storico del Ministero degli Affari Esteri, i manoscritti originali con cui le autorità dei diversi Paesi manifestavano l’intenzione di instaurare formali relazioni diplomatiche con il nuovo Stato italiano rappresentano una testimonianza diretta, dall’elevato valore storico e simbolico, del coronamento di quel disegno unitario che il 17 marzo del 1861 vedeva la Nazione italiana, sino ad allora artificiosamente divisa in una serie di piccoli e medi stati regionali, farsi Patria e progetto comune. Tributo alla memoria del momento fondativo del nostro percorso unitario e vivida testimonianza della centralità della dimensione internazionale per la vicenda nazionale, le pubblicazioni che accompagneranno, settimana dopo settimana, la presentazione di tutti gli eventi dedicati al 150° anniversario dell’Unità d’Italia, rappresentano un modo, fra i tanti, scelto dal Ministero degli Affari Esteri per augurare all’Italia "buon compleanno".

Il sedicesimo documento

Bruxelles, 6 novembre 1861

Il Ministro degli Affari Esteri del Belgio, Charles Rogier scrive al Ministro plenipotenziario italiano a Bruxelles, Alberto Lupi Montalto, conte di Moirano

Il ritardo col quale il Belgio concesse il proprio riconoscimento al Regno d’Italia rifletteva una più generale frattura all’interno del paese. Non mancavano a Bruxelles voci contrarie a una immediata regolarizzazione dei rapporti, come, ad esempio, gli esponenti del partito cattolico ed una parte della stessa Corte. D’altra parte si dicevano favorevoli ad un immediato riconoscimento i liberali ed alcuni autorevoli membri del governo: il Ministro degli esteri Barone di Vrière giunse persino a rassegnare le dimissioni nell’ottobre del 1861, in segno di protesta nei confronti della linea attendista preferita dal Re Leopoldo I. La necessità di nominare un nuovo titolare della Legazione a Torino costrinse Bruxelles ad operare una scelta definitiva: al momento della presentazione delle credenziali si doveva infatti specificare se l’accreditamento avveniva presso il Regno di Sardegna o presso il Regno d’Italia. All’interno della cancelleria belga si fece strada la consapevolezza che una prolungata inerzia avrebbe potuto compromettere gravemente i rapporti con i Savoia. Il 6 novembre 1861, veniva quindi indirizzata al rappresentante italiano a Bruxelles, conte Alberto Lupi Montaldo, una comunicazione del nuovo Ministro degli esteri, Charles Rogier, con la quale si rendeva nota l’intenzione di provvedere a un nuovo accreditamento e si formalizzava il riconoscimento di Vittorio Emanuele II quale sovrano del Regno d’Italia. In tale nota veniva comunque fatto riferimento alle persistenti perplessità riguardo alla legalità degli strumenti politici e militari utilizzati per conseguire l’obbiettivo dell’unità nazionale.

Il documento che di seguito si pubblica è tratto dal fondo “Le scritture del Ministero degli Affari Esteri del Regno d’Italia dal 1861 al 1887”, b. 803.

Il sedicesimo documentoIl sedicesimo documento

Trascrizione:

Bruxelles, 6 novembre 1861

Monsieur le Comte,

J’ai déjà eu l’honneur de vous faire connaitre de vive voix l’intention du Gouvernement du Roi d’accrédite un nouveau Ministre près de la Cour de Turin.
Votre Excellence se rappellera les considérations que j’ai eu l’honneur de lui présenter à cette occasion, considérations que notre nouveau Envoyé Extraordinaire sera, de son côte, chargé de communiquer au gouvernement de Votre Excellence.
Je viens aujourd’hui vous informer, Monsieur le Comte, que le choix du Gouvernement du roi s’est fixé sur Monsieur Solvyns et que les lettres de créance dont le Ministre sera muni pour le Roi Victor Emmanuel II attribueront à ce Souverain le titre que conformément à la loi votée le 17 de mars dernier, sa Majesté a pris pour lui et pour Ses Successeurs.
Je puis ajouter, Monsieur le Comte, que dès à présent le Cabinet de Brusselles, dans les relations que il entretiendra comme par le passé avec Votre Excellence, Lui reconnaitra la qualité de Ministre du Roi d’Italie.
Veuillez agréer, Monsieur le Comte, les nouvelles assurances de ma haute considération.

Traduzione:

Bruxelles, 6 novembre 1861

Signor Conte,

Ebbi già l’onore di farvi conoscere a viva voce l’intenzione del Governo del Re di accreditare un nuovo Ministro presso la Corte di Torino.
Vostra Eccellenza ricorderà le considerazioni che ebbi l’onore di presentare in tale occasione, considerazioni che il nostro nuovo Inviato Straordinario sarà, dal suo canto, incaricato di comunicare al governo di Vostra Eccellenza.
Vengo oggi ad informarvi, signor Conte, che la scelta del Governo del Re si è fissata sul signor Solvyns e che le credenziali di cui questo Ministro sarà munito per il Re Vittorio Emanuele II, attribuiranno a questo Sovrano il titolo che, in conformità della legge votata il 17 dello scorso marzo, Sua Maestà ha preso per sé e per i suoi successori.
Posso aggiungere, signor Conte, che fin d’ora il Gabinetto di Bruxelles nelle relazioni che terrà, come nel passato con Vostra Eccellenza, Le riconoscerà la qualità di Ministro del Re d’Italia.
Vogliate gradire, signor Conte, le rinnovate assicurazioni della mia alta considerazione.


L’archivio del MAE
L’Unità per la documentazione storico diplomatica e gli archivi cura la ricerca e l’elaborazione del materiale storico sulle questioni di politica estera; custodisce gli atti internazionali in possesso del Ministero e raccoglie i fondi archivistici provenienti dagli uffici centrali e da quelli all’estero, garantendone l’accessibilità; provvede al funzionamento della biblioteca e alla pubblicazione della collana organica di volumi annuali "La politica estera dell'Italia: testi e documenti".L’Unità è articolata in quattro sezioni: I Affari generali e relazioni esterne, II Archivio storico diplomatico, III Biblioteca e documentazione, IV Iniziative culturali. La sezione Archivio Storico Diplomatico si occupa della conservazione, del riordinamento e dell’inventariazione della documentazione storico diplomatica prodotta sia dagli Uffici centrali del Ministero sia dalle Rappresentanze all’estero e ne assicura la consultabilità. Conserva gli originali degli atti internazionali. La sezione Biblioteca e documentazione cura la gestione del patrimonio librario e di emeroteca storico e corrente. Effettua servizio al pubblico. Provvede alla pubblicazione del volume “Politica estera dell’Italia: testi e documenti”, sull’attività dell’amministrazione.


Luogo:

Roma

12450
 Valuta questo sito