Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Libia: riprendono i collegamenti, l’Italia aiuta il ritorno alla normalità

Data:

02/11/2011


Libia: riprendono i collegamenti, l’Italia aiuta il ritorno alla normalità

La ripresa dei voli Alitalia verso la Libia è “un segnale di libertà ritrovata ed un ulteriore segno di ritorno alla normalità”. Questo è il sentimento espresso da alcuni dei 110 passeggeri libici rientrati nel proprio Paese dopo tanto tempo, grazie al primo volo Alitalia Roma-Tripoli dopo otto mesi di sospensione a causa del conflitto.

La ripresa dei collegamenti con la Libia è il segnale che, insieme all’elezione del nuovo premier, il Paese imbocca la strada del processo di transizione che dovrebbe portarlo verso un nuovo futuro politico di solide istituzioni democratiche e rappresentative.

L’Italia, che ha partecipato alla coalizione a guida Nato, ha svolto il suo ruolo anche in considerazione di una robusta tradizione storica, di vicinanza, amicizia e cooperazione con il popolo libico. L'Italia, ha detto il Ministro Franco Frattini in un messaggio rivolto al neo eletto premier del Cnt, Abdul Al Raheem Al Qeeb - continuerà a sostenere con convinzione gli sforzi del Cnt e delle altre forze democratiche del popolo libico per il successo della transizione e la piena ripresa del Paese".

I rapporti di “vicinanza’’ e di ‘’amicizia’’ con il popolo libico hanno permesso anche un nutrito programma di interventi della Cooperazione sia nella fase dell’emergenza, sia, ora, in quella della ricostruzione. L’apertura dell’Ambasciata italiana a Tripoli è stata preceduta e accompagnata da altre significative iniziative: il 22 maggio scorso. è stato aperto a Bengasi un Ufficio della Cooperazione mentre tra maggio e giugno la stessa Cooperazione ha partecipato al team internazionale incaricato di individuare settori e priorità utili per strutturare gli interventi della Comunità Internazionale in Libia nella fase immediatamente successiva al conflitto.

 


Luogo:

Rome

12488
 Valuta questo sito