Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Primo volo Alitalia Roma-Tripoli - Frattini: Italia primo paese UE, confermata collaborazione di primo piano

Data:

02/11/2011


Primo volo Alitalia Roma-Tripoli - Frattini: Italia primo paese UE, confermata collaborazione di primo piano

E' atterrato oggi all'aeroporto militare di Tripoli, Mitiga, il primo volo dell'Alitalia Roma Tripoli dopo otto mesi di sospensione. L'Alitalia è la prima grande compagnia occidentale ad aver ripreso i collegamenti con la Libia, dopo l’interruzione di otto mesi imposta dal conflitto. Un grande applauso degli oltre 100 passeggeri del volo ha salutato l’arrivo nella capitale libica. A bordo del volo anche il nuovo ambasciatore libico a Londra Mahmud Naku e l'Imam del centro islamico di Toronto Yusuf Mustafa. All'aeroporto militare c'era l'ambasciatore italiano in Libia, Giuseppe Buccino.

Il Ministro Frattini ha espresso la sua soddisfazione: "L'Italia - ha sottolineato - è il primo paese dell'Unione europea a ripristinare i voli commerciali con la Libia a conferma del nostro ruolo di primo piano in quel paese e dell'eccellente collaborazione che abbiamo stabilito con le nuove autorità libiche". "Si tratta - ha detto ancora Frattini - di un segnale importante che conferma i progressi sulla strada della normalizzazione della situazione in Libia e della piena ripresa dei rapporti economici e umani bilaterali con un paese a noi particolarmente vicino ed amico". Il Ministro ha "ringraziato sentitamente anche l'Alitalia per la sua capacità e tempestività di azione in raccordo con la Farnesina, la nostra Ambasciata a Tripoli e le autorità libiche".

Di "bella giornata per le relazioni italo-libiche" ha parlato l’Ambasciatore Buccino, rilevando che "questo è il segno che le relazioni tra Italia e Libia sono maturate. Gli imprenditori iniziano a rientrare nel paese, per ora senza le famiglie, ma stiamo lavorando per assicurare tutte le garanzie e ritornare ad una situazione di normalità. Speriamo di riaprire il consolato a breve", ha aggiunto l'Ambasciatore.

L'ambasciatore libico a Londra Mahmud Naku ha definito questo "il più bel giorno della mia vita" perché "è la mia prima visita nel mio Paese libero dopo 33 anni di esilio". "Ritorno in una Libia senza il dittatore Gheddafi - ha detto l'ambasciatore - ho sognato per molto tempo questo giorno, ora il mio sogno è diventato realtà. Sono ottimista per il futuro della Libia che avrà buone relazioni con i Paesi del Mediterraneo, in particolare con l'Italia".

A bordo del volo Az 868 c’erano 110 passeggeri, per lo più cittadini libici, con dei bambini, che sono tornati a casa dopo molto tempo, ma anche qualche imprenditore e dei medici. Con orgoglio, davanti al gate d'imbarco, alcuni libici hanno sventolato la nuova bandiera libica, esprimendo la propria emozione per il ritorno a casa in un Paese libero.

 

 


Luogo:

Rome

12487
 Valuta questo sito