Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Iran: Frattini, preoccupazione per rapporto AIEA su nucleare

Data:

09/11/2011


Iran: Frattini, preoccupazione per rapporto AIEA su nucleare

“I contenuti del rapporto dell’Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica non possono che alimentare forti preoccupazioni sulla reale natura del programma nucleare iraniano”. Lo ha affermato il Ministro Franco Frattini, commentando il documento dell’AIEA in cui parla di informazioni “credibili” su “attività rilevanti” condotte da Teheran “per lo sviluppo di dispositivi esplosivi nucleari”.

Frattini ha sottolineato come il quadro fornito dall’AIEA, “fondato su informazioni coerenti e credibili, renda ancora più grave la situazione di mancato rispetto da parte dell’Iran degli obblighi internazionali in relazione al programma nucleare nazionale e delle numerose risoluzioni che sono state adottate dal Consiglio dei Governatori dell’AIEA e dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite”.

Per questo motivo, ha aggiunto il Ministro, “è ora necessario e urgente” un dettagliato riscontro da parte di Teheran, al fine di dissipare tali preoccupazioni. In attesa di tale risposta l’Italia – che mantiene uno stretto concerto con i principali partner e con l’insieme dell’Unione Europea – ritiene che le informazioni contenute nel rapporto dell’AIEA e la necessità di prevenire i pericolosi effetti destabilizzanti di un Iran dotato dell’arma atomica chiamino in causa la responsabilità di tutti gli attori internazionali ed una loro ferma presa di posizione, a cominciare dal Consiglio dei Governatori che si riunirà a Vienna il 17 novembre prossimo.

“Auspico che l’Iran si renda conto che è innanzi tutto nel suo interesse rassicurare il mondo sulla natura pacifica del suo programma nucleare. Obiettivo - conclude Frattini - che Teheran può perseguire solo attraverso una concreta, genuina e trasparente collaborazione con l’AIEA”.

Le preoccupazioni italiane sono le stesse dell’Unione Europea. In una nota dell’ufficio dell'Alto rappresentante Catherine Ashton si sottolinea come "il nuovo rapporto dell'AIEA aggrava seriamente le attuali preoccupazioni sulla natura del programma nucleare iraniano, in quanto pone una particolare enfasi su informazioni confermate dall'AIEA relative a possibili dimensioni militari del programma" stesso.


Luogo:

Rome

12511
 Valuta questo sito