Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Sistema Paese: Italia-Corea del Sud, relazioni economiche più forti

Data:

25/11/2011


Sistema Paese: Italia-Corea del Sud, relazioni economiche più forti

54 società italiane partecipanti, 8 associazioni di categoria e Camere di commercio e 7 istituti di credito; oltre 300 incontri con 139 società coreane: sono alcuni dei numeri della missione di sistema italiana - Confindustria, ABI, MiSE e MAE - che si è svolta in Corea del Sud dal 20 al 24 novembre, articolatasi in forum istituzionali, seminari, workshop, B2B e visite dedicate ad importanti componenti industriali. Si è trattato della prima iniziativa strutturata delle componenti del sistema produttivo italiano con ampia rappresentanza imprenditoriale in Corea dopo l'entrata in vigore del FTA con l'UE e in una fase di particolare attenzione mediatica ed economica verso l'Italia.

La partecipazione al Forum Italia-Corea di apertura ha visto una presenza di oltre 300 tra imprenditori italiani (circa 120) e rappresentanti di ditte coreane. Simili livelli di partecipazione hanno registrato anche il workshop Doing Businnes in Korea e i quattro seminari tecnici.

Di notevole rilievo è stato anche il seminario organizzato da ABI e Korea Federation of Banks. Dagli interventi è emerso che, pur nella difficile fase attuale, la Corea può interagire con un Paese dalla considerevole base manifatturiera (secondo esportatore in Europa) e l'unico i cui istituti finanziari non hanno avuto necessità di interventi governativi durante l'ultima crisi finanziaria globale.

Il forte rapporto con l'Italia e la scelta dei tempi di questa missione di sistema in Corea sono state costanti evocate negli interventi di tutti gli ospiti coreani: la missione ha infatti dato l'occasione a Confindustria e ABI di riaffermare dinanzi al vasto pubblico imprenditoriale coreano e alla stampa nazionale la solidità della nostra industria e dei nostri fondamentali economici, oltre alla volontà di avvalersi delle occasioni offerte dall'entrata in vigore dell'Accordo di Libero Scambio UE-Corea (FTA), che apre alle aziende italiane non solo il mercato coreano ma anche il resto dell'Asia.

A suggellare l'avvio di una nuovo stadio di più stretta collaborazione tra Corea e Italia, il Forum si è concluso con la cerimonia di firma di due importanti accordi commerciali del Gruppo Marcegaglia, firmatario con Posco e Daewoo di un contratto di acquisto da 250 milioni di dollari di acciaio nel 2012, e della FAAM con da Daelim Battery per la distribuzione di batterie per tecnologie ambientali su questo mercato. Una terza azienda italiana, la FAR Systems del Gruppo Tosoni, ha siglato un accordo di joint venture con la coreana Hyundai Elevators per operare congiuntamente sul mercato europeo delle infrastrutture di mobilità. Tre accordi e altrettante testimonianze di come investire in Corea con joint venture e accordi di collaborazione, come più volte segnalato, sia strategico per operare su mercati terzi, come l'Asia o la stessa Europa.


Luogo:

Istanbul

Tags:

Asia

12612
 Valuta questo sito