Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Afghanistan e “Primavera araba” alla Ministeriale Osce

Data:

06/12/2011


Afghanistan e “Primavera araba” alla Ministeriale Osce

L’Afghanistan con le recenti conclusioni della Conferenza internazionale di Bonn, nonché il processo di transizione ormai avviato nei Paesi della cosiddetta "Primavera raba", sono i due temi centrali al centro della riunione ministeriale dell’Osce che si svolge a Vilnius dove l’Italia e’ rappresentata dal Ministro Giulio Terzi che porta il contributo dell’Italia al confronto internazionale sui due "dossier". Terzi ha confermato che un Afghanistan stabile e sicuro continuerà ad essere nell'interesse dell'Italia. Il nostro Paese ha fornito in questi dieci anni un contributo di primo piano: oltre 4000 uomini e donne delle nostre forze armate, 570 milioni di aiuti attraverso la Cooperazione del Ministero degli Esteri. Anche dopo il ritiro militare del 2014, l’Italia continuerà ad assicurare il suo contributo in tre aree principali: l'assistenza al consolidamento delle istituzioni afgane;lo sviluppo della società civile, e la promozione dei diritti. Tutto questo tenendo sempre presente la dimensione regionale della stabilizzazione cercando di coinvolgere direttamente tutti i paesi vicini, dall’India, alla Cina, alla Russia, ai paesi centro asiatici. E’ un obiettivo condiviso che l’Italia indicò due anni e mezzo fa al G8 di Trieste.

Il dossier delle rivolte arabe è stato e continua ad essere una delle priorità della politica estera dell’Italia in quanto espressione dell’interesse che l’Italia ha di mantenere uno stretto rapporto con l’area del Mediterraneo.Oltre a partecipare a pieno titolo all'operazione Unified Protector, l’Italia e’ stato il primo paese europeo a riattivare a marzo il Consolato Generale a Bengasi, il secondo paese europeo,a riconoscere il Cnt, il primo paese Ue ad accreditare il nostro ambasciatore a Tripoli. L'Italia ha promosso programmi consistenti di aiuti bilaterali ai paesi della primavera araba, insieme ad iniziative multilaterali per lo sviluppo economico della regione, tra cui, in quanto membro del G8, la 'Deauville Partnership', e l'estensione dell'Erasmus alle giovani generazioni di quei paesi.


Luogo:

Roma

12687
 Valuta questo sito