Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Cooperazione: assistenza a rifugiati iracheni in Giordania, cerimonia di fine progetto

Data:

01/02/2012


Cooperazione: assistenza a rifugiati iracheni in Giordania, cerimonia di fine progetto

Si è concluso con successo il progetto di assistenza sanitaria integrata a favore delle comunità dei rifugiati iracheni in Giordania, portato avanti dall'organizzazione non governativa “Un Ponte Per...” (UPP) con un finanziamento di 560.000 della Cooperazione Italiana.

L’Ambasciatore italiano Francesco Fransoni, nel suo intervento alla cerimonia di chiusura, ha sottolineato che il progetto costituisce solo il più recente degli interventi del governo italiano nell'ambito delle attività di cooperazione d'emergenza in Giordania, iniziate sin dal 2009 con due programmi finalizzati al miglioramento delle condizioni di vita dei rifugiati iracheni e dei profughi palestinesi, con un impegno di risorse di circa 3 milioni di euro. I servizi di assistenza sanitaria, tra l’altro, sono rivolti non solo alla comunità irachena ospite in Giordania ma anche alle fasce più deboli della popolazione locale che vivono in condizioni precarie.

Il Capo Missione UPP, Tiziano Blasi, a sua volta, ha avuto modo di riferire alcuni dei risultati raggiunti dal progetto. In particolare, la capacità dei quattro centri di assistenza sanitaria di base (Amman, Fuheis, Irbid e Zarqa) sostenuti dal progetto di assistere con una media giornaliera di circa 40-50 pazienti fino a ben 90 casi al giorno assistiti mediante l'attivazione dell'unità medica mobile, che ha raggiunto pazienti nelle zone più remote del Paese. Nell'ambito dei due anni di durata del progetto, dunque, l'accesso gratuito all'assistenza di base è stato offerto a più di 3000 pazienti, mentre l'assistenza legale e psicosociale - fornita abitualmente dal partner locale JWU - è stata particolarmente rafforzata dal contributo italiano ed è stato possibile garantire più di 10.000 consultazioni a favore di donne che hanno subito maltrattamenti e/o abusi, assicurando loro protezione e sostegno.


Luogo:

Roma

12924
 Valuta questo sito