Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Tel Aviv: “La Vespa e Il Cinema”, mostra organizzata dall’Ambasciata Italiana

Data:

24/04/2012


Tel Aviv: “La Vespa e Il Cinema”, mostra organizzata dall’Ambasciata Italiana

E' un'attrice protagonista con due ruote quella che occupa la scena della Cinemateca di Tel Aviv: la Vespa, il più famoso e scenografico scooter del mondo, celebrato in queste settimane da una mostra aperta al pubblico israeliano fino al 2 maggio. L'esibizione, organizzata dall’Ambasciata italiana in Israele e dall’Istituto Italiano di Cultura di Tel Aviv, è curata per la Fondazione Piaggio di Pontedera da Pier Marco De Santi, dell'università di Pisa, e racconta 65 anni di storia del costume attraverso l'immagine della Vespa e del suo rapporto con il cinema.

Una storia testimoniata da decine di fotografie di divi in sella allo scooter, oltre che di poster, locandine e disegni tratti dai film nei quali il connubio si è nei decenni consolidato. E illustrata, va da sé, con il contorno della presenza colorata di un parterre di modelli di Vespa: moderni o da collezione.

L'evento è stato presentato lo scorso 17 aprile nella residenza dell'Ambasciatore italiano in Israele, Luigi Mattiolo, che l'ha ospitato per una sera. Creata nel 1946 su progetto di Corrado D'Ascanio, un ingegnere aeronautico senza esperienze precedenti nel mondo dei ciclomotori, "la Vespa - ha osservato Mattiolo - resta simbolo di movimento nella memoria collettiva degli italiani, sin dagli anni del dopoguerra e della ricostruzione, ma è più di un mezzo di trasporto": una compagna di vita, un ricordo di gioventù, un oggetto dal valore sentimentale.

La mostra lo documenta negli scatti di stelle di prima grandezza del firmamento di celluloide (hollywoodiano e non solo), centrati da un clic a cavallo del gioiello di casa Piaggio: da John Wayne a Henry Fonda, da Charlton Heston (centauro in improbabili costumi dell'antica Roma ai tempi di Ben Hur) a una mozzafiato Ursula Andress, da Marcello Mastroianni a Jean-Paul Belmondo; per arrivare ai protagonisti di pellicole (italiane e straniere) meno epiche, ma più recenti.


Luogo:

باريس

13421
 Valuta questo sito