Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

PRAGA - Vittorio Sgarbi inaugura mostra sui disegni italiani di Francis Bacon

Data:

21/05/2012


PRAGA - Vittorio Sgarbi inaugura mostra sui disegni italiani di Francis Bacon

Il 18 maggio scorso è stata inaugurata presso la Gate Gallery di Praga la prima esposizione in Repubblica Ceca dei celebri “disegni italiani” del grande maestro Francis Bacon. Ospite d’onore è stato il critico Vittorio Sgarbi.

Ai numerosi ospiti l’Ambasciatore italiano Pasquale D’Avino ha portato il saluto delle istituzioni italiane oltre ad un personale ringraziamento agli organizzatori per la realizzazione di un’iniziativa di assoluto prestigio per il nostro Paese.

Fondamentale influenza Italia su vita di Bacon

“La collezione di opere italiane di Bacon, presentata a Praga per la prima volta, costituisce un ritorno del Rinascimento in questi luoghi più volte sollecitati dall’arte e dalla cultura del nostro Paese”, ha spiegato il Direttore dell’Istituto Italiano di Cultura Paolo Sabbatini, ricordando che “l'influenza che l'Italia ebbe nella poetica, nell'arte e nella vita sentimentale di Francis Bacon è fondamentale”.

Bacon ha realizzato 45 immagini di pontefici nella sua vita, appassionandosi al ritratto di Papa Paolo III Farnese, del 1546, realizzato da Tiziano Vecellio, e a quello di papa Clemente VII (1531/32) di Sebastiano del Piombo. Il legame con il Rinascimento italiano e con l’Italia, in un complesso rapporto di passione artistica e sentimentale, fu rinnovato dal maestro anche nell’atto di donazione dei suoi disegni italiani a Cristiano Lovatelli Ravarino, nel 1988, alla fine della sua vita. “I numerosi studi di pontefici di Bacon, a partire dal 1951, mostrano la volontà di superare ogni soglia del reale per entrare in una dimensione sensoriale che ci spinge nelle profondità dell’inconscio”, ha affermato Sgarbi, sottolineando che “un’energia misteriosa e particolare esce da queste immagini di pontefici, che lo spettatore avverte ma che non riesce a identificare in una chiave razionale”.

La mostra resterà aperta fino al 22 luglio.

Luogo:

Vienna

13566
 Valuta questo sito