Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Liberato l’italiano rapito nel 2010 in Tanzania. Terzi, risultato della lotta alla pirateria

Data:

21/06/2012


Liberato l’italiano rapito nel 2010 in Tanzania. Terzi, risultato della lotta alla pirateria

E' libero Bruno Pellizzari, l'italiano rapito da pirati somali a ottobre del 2010 mentre si trovava con la compagna sudafricana a bordo dell'imbarcazione "Sy Choizil" al largo della costa della Tanzania. L’annuncio della liberazione di Pellizzari è stato dato dal Ministro Giulio Terzi che ha precisato che per il rilascio dell’italiano non è stato pagato nessun riscatto. Terzi, definendo la liberazione "un grande successo", ha detto che si tratta di "un buon motivo per dare un impulso superiore alla lotta contro la pirateria".

Attenzione ed impegno” per Rossella Urru e Giovanni Lo Porto

Terzi ha ringraziato personalmente i suoi colleghi somalo e, soprattutto, sudafricano che hanno contribuito al successo di questa operazione. Il Ministro ha detto che il governo italiano mantiene "mantiene un'attenzione e un impegno costante" sui casi di Rossella Urru e Giovanni Lo Porto, i due italiani ancora nelle mani dei loro rapitori all'estero. "Può passare molto tempo da quando il sequestro avviene ma questo non attenua in nessun modo l'impegno delle autorità e dei massimi livelli istituzionali nel portarli a casa", ha sottolineato il Ministro.

Negli ultimi mesi 23 gli italiani liberati

Con lo skipper italiano Bruno Pellizzari sale a 23 il numero di cittadini italiani liberati negli ultimi mesi. A fine novembre è terminata l'odissea della nave Rosalia D'Amato, con sei italiani a bordo. A dicembre avevano potuto fare ritorno a casa i cinque marittimi della nave Savina Caylyn, rimasta 11 mesi nelle mani dei pirati al largo della Somalia. Sempre a dicembre era finito l'incubo di Francesco Azzarà, rapito il 14 agosto 2011 nel Sud Darfur. Si è conclusa in poche settimane, ad aprile di quest'anno, l'avventura di Claudio Colangelo e Paolo Bosusco, rapiti a marzo nello stato indiano dell'Orissa. Il 17 aprile è stata liberata Sandra Mariani, sequestrata il 2 febbraio dell'anno scorso in Algeria, e pochi giorni dopo ha ritrovato la libertà anche l'equipaggio della nave Enrico Ievoli, sequestrata dai pirati il 27 dicembre con a bordo anche sei marinai italiani mentre navigava nel Mar Arabico. Infine il primo giugno è stato restituito alla libertà Modesto Di Girolamo, rapito quattro giorni prima da un commando armato in Nigeria. Pellizzari era stato rapito dai pirati somali il 26 ottobre 2010 con la compagna sudafricana Deborah Calitz. Lo skipper italiano fu sequestrato mentre lavorava su uno yacht a largo della costa della Tanzania.

 


Luogo:

Rome

13757
 Valuta questo sito