Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Uganda: business club in Uganda, l'Italia fa sistema

Data:

03/09/2012


Uganda: business club in Uganda, l'Italia fa sistema

Un club di aziende per rafforzare la presenza italiana in Uganda. Nata a maggio, l'associazione composta da una cinquantina di imprese, tra cui grandi gruppi come la Saipem, sarà formalmente lanciata il prossimo 8 ottobre, nel pieno della Fiera internazionale di Kampala, l'evento in programma dal 4 al 10 al quale guardano gli operatori che puntano ad investire nel Paese. L'idea di costituire un business club e' nata su impulso dell'ambasciatore italiano, Stefano Dejak, ed e' stata subito raccolta dalla comunita' imprenditoriale presente nel Paese.

Agricoltura ed energia in primo piano

"L'iniziativa è partita da me, ho sollecitato gli imprenditori, trovando una comunità reattiva e pronta a reagire", ha raccontato il diplomatico, sottolineando come l'associazione possa rappresentare sempre di più "un volano decisivo per promuovere e ampliare iniziative di partnership e contatti con le istituzioni locali". Insieme agli operatori del Sistema Italia, ha proseguito Dejak, "ho agito da ponte per collegare l'Italia all'Uganda. Le nostre imprese hanno bisogno di nuovi sbocchi di mercato e l'Uganda, avendo raggiunto un'apprezzabilissima stabilità politica, precondizione per lo sviluppo e per gli investimenti, rappresenta un mercato potenzialmente interessante". Agricoltura ed energia i settori considerati prioritari, nei quali il made in Italy potrebbe investire, attingendo anche a strumenti finanziari messi a disposizione dall'Unione europea.


Luogo:

Tags:

Africa

14058
 Valuta questo sito