Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Italia-Iraq: Pistelli, vogliamo diventare partner paritari

Data:

03/07/2013


Italia-Iraq: Pistelli, vogliamo diventare partner paritari

L'Italia punta a “sostituire la cooperazione allo sviluppo con una cooperazione economica tra pari” con l'Iraq. Lo ha affermato il viceministro degli Esteri Lapo Pistelli aprendo alla Farnesina il II Trade and Investment Meeting, promosso dalla Cooperazione Italiana e Unido per incrementare gli scambi commerciali tra i due paesi e favorire lo sviluppo delle piccole e medie imprese in Iraq.

3,3 miliardi di euro in 10 anni

L’Italia, ha ricordato Pistelli, ha sostenuto la ricostruzione con un impegno di 3,3 miliardi di euro in 10 anni, ma adesso bisogna elevare i rapporti bilaterali sul piano commerciale, colmando il gap con i paesi vicini dell’Iraq. Noi siamo il primo partner commerciale in Europa, ma i nostri 4,1 miliardi di interscambio sono la metà di quelli tra Iraq e Iran e un terzo rispetto a Iraq e Turchia, ha reso noto il viceministro, che sarà alla Fiera di Baghdad in ottobre.

Il “salto di qualità” verso un partnership economica si ottiene, secondo il viceministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda, attraverso il consolidamento dei settori in cui siamo già forti (infrastrutture, energia e impiantistica), allargando ad altri settori come agroindustria e beni di consumo, e convincendo le aziende italiane a investire oltre che a vendere.

“Servono tanti servizi e l’esperienza straniera”

Le cifre dell’economia irachena sono più che invitanti. Il Vicepremier Roz Nouri Shaways ha ricordato che nei prossimi cinque anni saranno disponibili 112 miliardi di dollari per gli investimenti, dall’agricoltura al turismo, dalla sanita’ all’industria, oltre al petrolio. “Servono tanti servizi e l’esperienza straniera”, ha affermato, assicurando il suo governo lavora per “creare un’atmosfera più accogliente” per gli investitori, lottando contro la corruzione e per migliorare la sicurezza. Proprio la sicurezza resta un ''motivo di preoccupazione'', ha ammesso Pistelli, ma l'Iraq ''non va abbandonato perche' attore chiave per la stabilità del Medio Oriente''. Le autorità irachene intervenute non hanno mancato di ringraziare l’Italia per l’impegno a fianco dell’Iraq in questi dieci difficili anni dalla fine della dittatura.

Luogo:

Roma

15511
 Valuta questo sito