Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Argentina, si discute di "radici che non si dimenticano"

Data:

26/02/2014


Argentina, si discute di

"Radici che non si dimenticano". E' questo il titolo di una conferenza sull'emigrazione, organizzata dall'Istituto italiano di cultura (Iic) il 20 marzo. I discendenti degli emigrati rivelano oggi nuove motivazioni tese a ristabilire il legame spesso interrotto con la madre patria - riporta il sito internet dell'Istituto -. Si riscopre il piacere per l'uso della lingua d'origine e l'interesse ad esplorare le radici familiari e culturali, con un atteggiamento spontaneo e necessario alla conservazione della salute psichica.

Lo "sradicamento" e i suoi effetti sull'individuo e sulla famiglia

Nel corso della conferenza si descriveranno, con l'accompagnamento di immagini, differenti aspetti psicologici del fenomeno dello "sradicamento" e i suoi effetti sull'individuo e sulla famiglia. A curare l'evento sara' Maria Cristina Joos, laureata in psicologia presso l'Universita' La Sapienza a Roma, psicologa sociale e docente d'italiano. Ha realizzato programmi radiofonici di diffusione culturale e scientifica, nonche' e' responsabile della commissione di Cultura dell'Alef (Associazione lavoratori emigrati del Friuli Venezia Giulia). E' autrice e coordinatrice in tutta l'Argentina dei gruppi di riflessione sulle radici " Radix". La tematica dell'emigrazione e' molto sentita nel paese latino americano, soprattutto per quanto riguarda quella italiana.Tanto che dal 1995, il Parlamento argentino ha istituito il 3 giugno la "Giornata dell'emigrante italiano". La data e' stata scelta in quanto anniversario della nascita (1770) di Manuel Belgrano: uno dei padri della patria. Belgrano era figlio di emigrati di Oneglia, era fiero delle proprie origini e parlava il dialetto ligure.


Luogo:

Roma

18100
 Valuta questo sito