Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

DEI/Sole 24 Ore - Malaysia: accelera crescita (IV trimestre 2013 +5,1%)

Data:

05/03/2014


DEI/Sole 24 Ore - Malaysia: accelera crescita (IV trimestre 2013 +5,1%)

Malaysia: accelera crescita (IV trimestre 2013 +5,1%)

Secondo i dati diffusi nei giorni scorsi dalla Banca Centrale (Bank Negara) la Malaysia ha registrato una crescita pari al 5,1% nell'ultimo trimestre dello scorso anno, sostenuta principalmente dalla domanda interna e dalle esportazioni. Su base annua invece la crescita è stata del 4,7%, inferiore al 5,6% raggiunto nel 2012.

Nell'ultimo trimestre del 2013, la domanda interna si è mantenuta su livelli elevati, con crescite interessanti negli investimenti privati (16,5%) a fronte di diminuzioni negli investimenti pubblici. Il risultato è stato raggiunto grazie all'espansione nei principali settori economici: il settore manifatturiero in particolare e' cresciuto grazie all'aumento delle esportazioni, mentre il settore immobiliare è stabile e quello delle materie prime (olio di palma e gomma), tradizionalmente trainante dell'economia nazionale, ha registrato un rallentamento.

L'aumento dell'inflazione, salita al 3%, riflette invece il rincaro dei prodotti petroliferi, zucchero e tabacco. Il tasso ufficiale di sconto è rimasto inalterato nel corso degli ultimi anni,pari al 3%. La valuta locale (ringgit) nell’ ultimo trimestre del 2013 ha perso lo 0,7% nei confronti del dollaro, 2,6% con la sterlina e 2,8% nei confronti dell'euro. Un ulteriore deprezzamento si è registrato dall'inizio dell'anno in corso, soprattutto nei confronti del dollaro (-1,5%). Bank Negara prevede che la ripresa globale e il dinamismo della domanda interna continueranno a sostenere la crescita. Resta però da valutare l’impatto sulla domanda interna derivante dall'introduzione della GST, la nuova tassazione al 6% sui beni di consumo, e dall'aumento dei prezzi legati all'indebolimento della valuta locale.

(infoMercatiEsteri)

OCSE: inflazione +0,1% a gennaio, +1,7% tendenziale

I prezzi al consumo dell'Area Ocse sono saliti dell'1,7% tendenziale a gennaio (+1,6% a dicembre) e dello 0,1% congiunturale. Un aumento dovuto ai prezzi energetici che sono saliti del 2,1% (+1,7% a dicembre). I prezzi degli alimentari sono scesi a +1,4% dall'1,5% di dicembre. Al netto di alimentari ed energia, il tasso d'inflazione tendenziale e' rimasto stabile all'1,6% a gennaio. Lo comunica l'Ocse.

(Il Sole 24 Ore Radiocor)

Usa: Pmi manifatturiero 57,1 pt a febbraio, massimo dal 2010

L'indice Pmi manifatturiero e' salito alla fine di febbraio a 57,1 punti dai 53,7 di gennaio. La lettura, in crescita rispetto ai 56,7 punti della stima flash di meta' mese, e' la piu' alta dal maggio del 2010 e sembra confermare il trend di accelerazione dell'economia americana.

(Il Sole 24 Ore Radiocor)

USA: vendite Chrysler in aumento, in calo Ford e GM

Chrysler e' l'unico tra i grandi costruttori USA a aver registrato un aumento di vendite in febbraio: 155 mila unita' con una crescita dell'11% su base annua. E' il dato piu' alto dal 2007 per questo mese e segna il 47esimo aumento consecutivo di vendite del Gruppo ormai controllato da Fiat in USA. Particolarmente positiva (+ 47%) la performance del marchio jeep. General Motors, con 222 mila unita', registra un calo dell'1% (colpiti soprattutto i marchi Chevrolet e cadillac con Buick invece in crescita).Ford scende del 6% a 184 mila unita'.

(Il Sole 24 Ore Radiocor)

Svizzera: +3,8% frontalieri nel 2013 (+6% nel 2012), 24% e' italiano

I lavoratori frontalieri in Svizzera sono aumentati anche nel 2013, sia pure a un ritmo inferiore rispetto al 2012. Lo scorso anno l'incremento e' stato del 3,8% a un totale di 278.500 persone, in base ai dati annunciati dall'Ufficio federale di statistica, andamento che segue il +6% segnato nel 2012. Oltre la meta' dei frontalieri (52,4%) abita in Francia, il 23,7% in Italia e il 20% in Germania. Negli ultimi cinque anni, dal 2008 (inizio della crisi), il numero di coloro che attraversano quotidianamente il confine per lavorare in Svizzera e' salito di quasi il 30%, ovvero 62mila persone. L'80% dei frontalieri lavora in tre regioni della Confederazione: Ticino, area di Basilea e Lago di Ginevra. Nel Ticino un posto di lavoro su 4 e' occupato da un frontaliero, nelle altre due regioni il rapporto e' di uno su dieci. I nuovi dati arrivano dopo il referendum che con il 50,3% dei voti ha visto la vittoria di un'iniziativa che chiede la limitazione dell'immigrazione tramite l'introduzione di quote e contingenti entro tre anni. Finora i frontalieri erano stati esclusi da forme di limitazione.

(Il Sole 24 Ore Radiocor)

Spagna: a febbraio leggero calo disoccupati

Il numero di persone iscritte alle liste di disoccupazione e' leggermente sceso a febbraio (-0,04%), mese tradizionalmente negativo per l'occupazione, a 4,812 milioni, secondo i dati del ministero del Lavoro. Sono state 1.949 le domenade d'impiego in meno rispetto a gennaio, mentre sull'anno 227.736 persone in meno sono registrate sulle liste di disoccupazione, in ribasso del 4,52%. "Si tratta del primo calo registrato nel mese di febbraio dal 2007", afferma il ministero in una nota.

(Il Sole 24 Ore Radiocor)

Mondo: traffico aereo aumenta del 4,5% in gennaio (IATA)

La Iata ha diffuso i dati di performance relativi a gennaio 2014 che mostrano un forte aumento della crescita del trasporto aereo rispetto a un anno fa: l'indice tonnellate-chilometri (FTKs), si legge in una nota, e' salito a gennaio del 4,5% tendenziale. Si tratta di una significativa accelerazione rispetto al tasso di crescita del 2,2% su base annua registrato a dicembre, ed e' ben al di sopra dell'1,4% di crescita per l'intero esercizio riportati per il 2013 rispetto al 2012. La crescita, aggiunge la Iata, e' stata solida in tutte le regioni, con i vettori del Medio Oriente che hanno segnato una crescita piu' veloce (10,7%). Le compagnie aeree europee hanno continuato a beneficiare della ripresa dell'Europa dalla recessione, registrando una crescita del 6%. I vettori basati nella regione Asia-Pacifico, che rappresentano quasi il 40% del mercato globale del trasporto aereo, hanno registrato una crescita del 3,8%. Questo rappresenta un notevole miglioramento rispetto alla contrazione dell'1% nel 2013.

(Il Sole 24 Ore Radiocor)


Luogo:

Roma

Tags:

Asia

18159
 Valuta questo sito