Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Turchia: Della Vedova su elezioni, ora consolidare affidabilità democratica

Data:

31/03/2014


Turchia: Della Vedova su elezioni, ora consolidare affidabilità democratica

"Da parte dell'Italia, dei paesi dell'Ue e delle istituzioni di Bruxelles c'e' l'interesse a che si consolidi l'affidabilita' democratica della Turchia, che e' un importante partner sia in una prospettiva europea che atlantica, e a cui chiediamo di convergere su standard politici e civili pienamente democratici e non di allontanarsi da essi". Con queste parole il sottosegretario agli Esteri, Benedetto Della Vedova, commenta in una dichiarazione ad Aki-Adnkronos International i risultati delle elezioni amministrative di ieri in Turchia, svoltesi in un clima di grande tensione politica nel paese. "Noi non abbiamo - ha precisato il sottosegretario - ne' potremmo legittimamente far valere alcun interesse a che in Turchia gli equilibri politici interni si consolidino a vantaggio del premier Recep Tayyip Erdogan o al contrario mutino a favore dei suoi oppositori". "Prendiamo atto del risultato di questo turno elettorale amministrativo, come avremmo preso atto di un risultato diverso", ha aggiunto, riferendosi alla vittoria del partito Akp di Erdogan. Al tempo sesso, Della Vedova ha "sottoscritto" le parole pronunciate oggi dall'Alto rappresentante per la politica estera e di sicurezza comune europea, Catherine Ashton, "per un rilancio della stagione delle riforme in Turchia". "Ed e' evidente a tutti - ha aggiunto - che la limitazione sull'accesso ai social media e piu' in generale la limitazione della liberta' di espressione vanno in direzione diversa alle riforme che auspichiamo". Nei giorni scorsi, il sottosegretario aveva definito "incompatibile con i principi di liberta' civile e politica" il blocco di Twitter deciso dalle autorita' turche a pochi giorni dal voto, invitando successivamente Erdogan ad adeguarsi alle sentenze che disponevano la fine del blocco.


Luogo:

Roma

18314
 Valuta questo sito