Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

#Farnesina - Così Shanghai è entrata nel nostro “progetto artistico”

Data:

03/07/2014


#Farnesina - Così Shanghai è entrata nel nostro “progetto artistico”

Vincitori del premio Shanghai, fondato dall’Istituto italiano di cultura, sono tre giovani artisti, Elisa Strinna, Chiara Principe e Alessandro Dandini che spiegano qual è il loro “progetto artistico” ispirato alla complessità e alle opportunità della città di Shanghai. In particolare Strinna e Principe ritengono che sia “una città affascinante, piena di stimoli e contrasti appassionati, che hanno contribuito in modo positivo a sviluppare il progetto pensato per la residenza. E’ anche rappresentativa sia di un certo passato della cultura cinese, sia dei cambiamenti che la Cina sta vivendo oggi. E’ un cantiere aperto, che segna il passaggio da una civiltà rurale ad una civiltà tecnologica, dove la modernità tende ad esprimersi al massimo, per esempio attraverso gli enormi grattacieli del Pudong. E’ quasi commovente essere spettatori di questo cambiamento, ormai ad uno stadio piuttosto avanzato, ma è possibile ancora percepire le vestigia di una civiltà che va dissolvendosi, risucchiata dagli usi e dai costumi della modernità. Abbiamo avuto bisogno di confrontarci con la realtà – sottolineano. In questo modo è stato possibile selezionare gli elementi che sono andati a comporre l’opera, rappresentazioni antiche che ancora sopravvivono, in modi differenti, nella Cina contemporanea”.

Il rapporto con gli artisti cinesi

Sia Dandini, sia Principe si dicono “entusiaste” del loro rapportarsi con gli artisti cinesi: “la curiosità verso la Cina è aumentata a dismisura. Anche l’incontro tra cultura orientale e quella occidentale può essere un terreno molto proficuo. L’arte contemporanea dell’Occidente è arrivata in Cina solo dopo gli anni Ottanta, ma la Cina non è un paese senza una tradizione artistica e culturale, la sua è una civiltà millenaria. Gli artisti cinesi si confrontano da una parte con l’arte occidentale e dall’altra con la loro tradizione e molti stanno ancora metabolizzando l’incontro tra queste due realtà. Il nostro lavoro è basato sul trovare un punto d’incontro, incorporare le forme di un’altra cultura. Così l’arte diventa un vero e proprio strumento di dialogo”.


Luogo:

Roma

18919
 Valuta questo sito