Mogherini in Parlamento - Priorità “nostra Presidenza Ue” le crisi dall’Ucraina al Medio Oriente
Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Mogherini in Parlamento - Priorità “nostra Presidenza Ue” le crisi dall’Ucraina al Medio Oriente

Data:

03/07/2014


Mogherini in Parlamento - Priorità “nostra Presidenza Ue” le crisi dall’Ucraina al Medio Oriente

Le priorità di politica estera e il “ruolo” che l’Italia intende svolgere per “una fase nuova” anche nella politica estera europea sono stati al centro dell’audizione del ministro Federica Mogherini alle commissioni Esteri di Camera e Senato sul semestre di Presidenza italiana Ue. Tra le priorità il ministro ha fatto riferimento a un’area geografica che ha definito “turbolenta, faticosa, incerta e insicura”, che va dall’Ucraina alla Russia al Medio Oriente al Nord Africa, Libia compresa.

Kiev e Mosca come prima visita semestre

Il ministro ha annunciato che da lunedì prossimo sarà a Kiev e poi a Mosca, “prima visita del semestre italiano di presidenza”. L’obiettivo è sostenere gli sforzi dell’Osce e dell’Ue per risolvere la crisi in atto in Ucraina dove bisogna “intensificare il lavoro diplomatico” affinché si realizzi il “cessate il fuoco” e si “acceleri l’implementazione degli accordi di associazione con l’Ue”.

Tra 10 giorni visita in Israele e Palestina. Fine mese nei Balcani

Mogherini ha anche annunciato una sua visita, fra dieci giorni, in Israele e Palestina. L’invito dell’Italia è a “disinnescare il rischio di reazioni e controreazioni” che renderebbe più difficile la ripresa del negoziato.

Il ministro, che sarà in visita a fine mese nelle capitali dei Balcani occidentali, ha sottolineato l’importanza dell’integrazione di questi Paesi nell'Ue anche per incoraggiare la stabilità della regione. Nel semestre è in preparazione anche una visita in Turchia dove – secondo quanto ha detto il ministro – possono essere aperti nuovi capitoli nel negoziato di adesione all’Ue.


Luogo:

Roma

18921
 Valuta questo sito