Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Mozambico firma pace con Renamo, "Grazie Italia per mediazione"

Data:

05/09/2014


Mozambico firma pace con Renamo,

Il presidente mozambicano Armando Guebuza e il leader della Renamo Afonso Dhlakama si sono incontrati oggi a Maputo e hanno firmato l’accordo politico che conferma le intese sulla fine delle ostilità raggiunte la settimana scorsa e simboleggia l’inizio di una nuova fase politica che dovrà condurre alle elezioni del 15 ottobre in condizioni di stabilità e piena partecipazione di tutte le forze politiche.

Azione della diplomazia italiana

Il rientro di Dhlakama è stato reso possibile da un’azione condotta con successo dalla diplomazia italiana. La settimana scorsa, infatti, una delegazione italiana guidata dal viceministro Carlo Calenda, insieme a monsignor Matteo Zuppi della Comunità di Sant'Egidio e all’ambasciatore d’Italia a Maputo, si erano recati nella impervia foresta di Gorongosa in Mozambico per incontrare il leader della Renamo e, successivamente, avevano concordato con il presidente Guebuza le modalità del rientro di Dhlakama a Maputo. Nei giorni successivi l’ambasciata italiana ha coordinato una seconda spedizione a Gorongosa, alla quale hanno partecipato anche gli ambasciatori di Stati Uniti, Gran Bretagna, Portogallo e Botswana, per riaccompagnare Dhlakama ieri nel suo viaggio di ritorno a Maputo.

Parole di stima e riconoscimento per il ruolo dell’Italia

Sia Guebuza sia Dhlakama, nei loro discorsi oggi in occasione della cerimonia di firma degli accordi, hanno avuto parole di stima e riconoscimento per il ruolo dell’Italia nel facilitare i contatti tra le parti e superare le diffidenze che negli ultimi giorni rischiavano di compromettere l’esecuzione degli accordi raggiunti. E’ una prova - ha dichiarato l’ambasciatore d’Italia a Maputo Roberto Vellano - del rapporto speciale che unisce l’Italia al Mozambico, a ventidue anni di distanza dall’Accordo di Roma, che conferma il nostro ruolo di partner strategico per la stabilità politica e lo sviluppo del paese.

La questione era stata al centro della visita a Maputo del presidente del Consiglio Renzi nel mese di luglio, che aveva dato la disponibilità del Governo italiano per facilitare in tutti i modi un riavvicinamento delle parti, e, qualche settimana prima, della missione effettuata dal viceministro degli Esteri Lapo Pistelli.


Luogo:

Roma

19256
 Valuta questo sito