Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Italia-Argentina - Grasso inaugura "laboratorio idee" giovani - Progetto biculturale, cerimonia a "Palazzo Italia" Baires

Data:

23/10/2014


Italia-Argentina - Grasso inaugura
"L'Italia deve ritornare a credere fortemente nel valore del proprio patrimonio culturale, letterario, artistico, scientifico, che può rappresentare unvolano" affinchè il Paese riconquisti il ruolo che gli spetta: lo ha sottolineato il presidente del Senato, Pietro Grasso, inaugurando un nuovo 'laboratorio di idee Italia-Argentina'. Presente l'ambasciatore Teresa Castaldo, il nuovo 'think-tank' è stato inaugurato durante un incontro presso l'Istituto italiano di cultura nell'ambito del 'Palazzo Italia', sede delle diverse forme d'espressione del Paese in Argentina.

"Una fusione di culture, progettualità e risorse"

"C'è un'Italia fuori dall'Italia che troppo spesso ignoriamo", ha sottolineato in un intervento Grasso, ricordando di aver trovato a Buenos Aires "una Italia sorridente e capace ancora di credere nei sogni", un luogo dove si è materializzata "una fusione di culture, progettualità e risorse" e che conferma l'importanza di "fare sistema". Il presidente del Senato ha tra l'altro messo in evidenza che "questo modello di proiezione italiana deve farci riflettere sull'importanza di investire in cultura, istruzione, formazione e ricerca".

Nuovo 'laboratorio di idee'

Durante la cerimonia, Grasso ha quindi tenuto a battesimo il nuovo 'laboratorio di idee' che è stato presentato dall'ambasciatore Castaldo e da alcuni giovani italo-argentini. L'ambasciatore ha tra l'altro sottolineato "i progetti che potranno essere realizzati in tutto il paese da giovani, e anche meno giovani, in diversi settori". Questa nuova iniziativa, ha aggiunto, rappresenta uno strumento "innovativo e biculturale" in un'Argentina dove sono per esempio impegnate "più di mille associazioni italiane".

Oltre ai rappresentanti della collettività, all'incontro erano presenti alcuni dei giovani promotori del'laboratario' che intende potare avanti diversi studi e iniziative, tra i quali una ricerca sulle "nuove mobilità italiane in Argentina", uno dei fenomeni più interessanti a Buenos Aires degli ultimidieci anni, e cioè il consistente flusso di ragazzi italiani che scelgono la megalopoli argentina per vivere, lavorare e studiare.


Luogo:

Roma

19510
 Valuta questo sito