Dalla Cooperazione altri 2 milioni di euro per rifugiati siriani
Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Dalla Cooperazione altri 2 milioni di euro per rifugiati siriani

Data:

11/11/2015


Dalla Cooperazione altri 2 milioni di euro per rifugiati siriani

Dalla Cooperazione italiana nuovo contributo di due milioni di euro per l'assistenza ai rifugiati siriani ospitati nei campi di assistenza in Giordania e Libano.

I contributi d'emergenza rientrano nell'ambito dell'ampio piano di aiuti umanitari destinato dall'Italia alla crisi siriana, pari nel 2015 a circa 20 milioni di euro, per un totale di quasi 79 milioni di euro dall'inizio del conflitto. Un milione di euro e' stato stanziato a sostegno degli interventi del Comitato internazionale della Croce Rossa (Cicr) in favore dei rifugiati siriani ospitati in Giordania e Libano. Nel regno hashemita, l'obiettivo e' quello di aiutare le autorita' locali nell'installazione di strutture idriche ed igienico-sanitarie adeguate e nelle attivita' di fornitura di cure mediche d'emergenza ai feriti in arrivo dalla Siria. Nel Paese dei cedri, il Cicr punta a rafforzare l'assistenza d'emergenza ai siriani feriti da armi da fuoco mediante cure mediche e interventi di chirurgia, attraverso il supporto del Servizio Medico di Emergenza della Croce Rossa libanese (Ems). Saranno inoltre realizzate attivita' di prevenzione e cura per il contrasto alle violenze di genere, mentre rifugiati e residenti potranno beneficiare di un maggiore accesso all'acqua potabile grazie alla riabilitazione delle infrastrutture idriche.

Il secondo contributo da un milione di euro stanziato dalla Cooperazione mira a sostenere il progetto dell'Alto Commissariato Onu per i rifugiati (Unhcr) "Wash assistance for Syrian Refugees", per la realizzazione di interventi di assistenza nel sud del Libano, con l'obiettivo di migliorare le condizioni igienico-sanitarie dei rifugiati siriani e di rafforzare la coesione sociale tra rifugiati e comunita' libanesi ospitanti. In particolare, il progetto interverra' per la riabilitazione delle reti idriche e la fornitura di acqua potabile ai rifugiati siriani, il miglioramento delle strutture igienico-sanitarie e attivita' di sensibilizzazione per la promozione di buone pratiche in campo igienico-sanitario.


21615
 Valuta questo sito