Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Danimarca - La cucina italiana in campo per i diabetici

Data:

10/06/2015


Danimarca - La cucina italiana in campo per i diabetici

L’Italia interviene a sostegno dei malati di diabete in Danimarca. La nostra ambasciata a Copenaghen ha realizzato, d’intesa con lo Steno Diabetes Center, un progetto di lezioni di cucina italiana nella Residenza dell'ambasciatore, Stefano Queirolo Palmas, in cui due chef italiani in Danimarca hanno insegnato ai malati di diabete a preparare piatti equilibrati dal punto di vista dei carboidrati ma molto gustosi. L’iniziativa ha permesso di fornire un valido sostegno ai diabetici nel paese, parallelamente di far diffondere la dieta mediterranea, nonché di valorizzare una residenza storica come quella dell’ambasciatore. I partecipanti al progetto, infatti, l’hanno potuta visitare. A tenere le lezioni due chef italiani d’eccezione come lo stellato Michelin Elvio Milleri di “Era Ora” e Achille Melis del “San Giorgio”. Gli “apprendisti” chef, invece, sono un gruppo di partecipanti a un corso base del centro Steno sul calcolo dei carboidrati.

Residenza ambasciatore ospita corsi per preparare piatti equilibrati e gustosi

“Siamo stati molto fieri di aver potuto organizzare questo evento – ha affermato l’ambasciatore Queirolo Palmas -. Spero che le persone che soffrono di diabete e che partecipano al progetto, possano andare via con l’idea che a nessuno è precluso di avere una favolosa esperienza culinaria, se approfitta della bellezza della cucina mediterranea”. Gli stessi allievi, infatti, si sono resi conto che le cose sono diverse da come sembrano. “Ho sempre pensato che la cucina italiana contenesse molti carboidrati. Tutti sanno che la pasta è un piatto fantastico, ma causa un rapido aumento di zucchero nel sangue – ha affermato un partecipante -. Quello che abbiamo visto in cucina oggi, invece, non contiene carboidrati e non era difficile da preparare”.


20845
 Valuta questo sito