Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Dei - Paesi Bassi: scelti global players per privatizzazione Abn Amro

Data:

30/07/2015


Dei - Paesi Bassi: scelti global players per privatizzazione Abn Amro

Abn Amro, Deutsche Bank e Morgan Stanley saranno i global players nel processo di privatizzazione della stessa Abn Amro. Lo ha reso noto la Netherlands Financial Investments (NLFI), holding pubblica controllata dal Ministero delle Finanze e detentrice dell'intero pacchetto azionario delle banche Abn Amro e Sns Reaal, precisando che il processo proseguirà con la selezione delle banche che svolgeranno le funzioni di bookrunner e co-lead manager. La banca sarà collocata sul mercato azionario di Amsterdam Euronext mediante un'Ipo, che dovrebbe avere luogo nel quarto trimestre dell’anno. Le azioni collocate sul mercato saranno pari ad una quota compresa fra il 10% ed il 30% della capitalizzazione complessiva del gruppo.

Belgio: da Governo ok a sgravi fiscali a imprese per 3,7 mld

Il Governo belga ha dato il via libera a un nuovo pacchetto di sgravi fiscali alle imprese per circa 3,7 miliardi di euro, con una riduzione degli oneri sociali che passano dal 33% al 25% e la creazione di un fondo da circa 430 milioni per supportare lo sviluppo delle pmi. Le misure si vanno ad aggiungere agli sgravi da 2,3 miliardi già adottati dal Governo guidato da Charles Michel dall’inizio della legislatura. L’obiettivo è quello di realizzare entro il 2018 misure di alleggerimento del carico fiscale in favore dell'economia reale per 7,2 miliardi. I nuovi sgravi verranno finanziati non solo attraverso un forte aumento dell'Iva sull'energia elettrica (dal 6% al 21%) ma anche grazie ad una serie di aumenti delle accise sul carburante, gli alcolici e le sigarette. E' stato inoltre stabilito un aumento dell'aliquota fissata per l'imposta sulle rendite da capitale, che aumenterà dal 25% al 27%. Il Governo ha infine annunciato di voler procedere nel 2016 ad un aumento di circa 100 euro mensili dei salari medio-bassi, per sostenere il potere d'acquisto delle fasce economiche più deboli.


21100
 Valuta questo sito