Diplomazia e Hi Tech - Italia e Kenya rinnovano l’accordo per il Centro Spaziale “Luigi Broglio” (Trento, 24 ottobre 2016)
Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Diplomazia e Hi Tech - Italia e Kenya rinnovano l’accordo per il Centro Spaziale “Luigi Broglio” (Trento, 24 ottobre 2016)

Data:

25/10/2016


Diplomazia e Hi Tech - Italia e Kenya rinnovano l’accordo per il Centro Spaziale “Luigi Broglio” (Trento, 24 ottobre 2016)

“Il sostegno alle nostre eccellenze del settore spaziale, in ambito multilaterale e bilaterale, è una priorità dell’azione di promozione della tecnologia italiana svolta dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale” - così Fabrizio Nicoletti, Capo dell’Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica del MAECI, ha commentato il rinnovo dell’accordo fra Italia e Kenya per il Centro Spaziale “Luigi Broglio” di Malindi. Il Centro - ideato nel 1964 dal Prof. Broglio dell’Università “La Sapienza” di Roma - è un polo di eccellenza della tecnologia aerospaziale italiana e uno strumento di dialogo scientifico e tecnologico con l’intero continente africano. “Quello spaziale è da sempre un settore che vede il nostro Sistema Paese all’avanguardia” - ha proseguito il diplomatico - “L’Italia è stato tra i primi Paesi europei a investire nello Spazio e, con il Progetto San Marco, fu negli anni ’60 il terzo Paese al mondo a mettere in orbita un satellite.”

L’Accordo, firmato per parte italiana dal Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca, Stefania Giannini, e dal Presidente dell’ASI, Roberto Battiston, a margine del primo “International Space Forum” tenutosi a Trento, prevede anche cinque Protocolli attuativi: “Supporto all'Agenzia Nazionale Spaziale keniana”; “Istituzione di un centro regionale per l'osservazione della Terra”; “Accesso ai dati di osservazione della Terra e ai dati scientifici”; “Attività di istruzione e formazione”; “Telemedicina”. Il suo rinnovo corona un negoziato guidato dalla Farnesina d’intesa con ASI, MIUR, MinDifesa ed altri Dicasteri e assicura la prosecuzione dell’attività del Centro che negli anni è stato base di lancio di numerosi satelliti e svolge oggi attività di assistenza a missioni spaziali e di acquisizione di dati satellitari. Intensa è la sua collaborazione con l’Agenzia Spaziale Europea-ESA, nel quadro del Protocollo trilaterale Italia-Kenya-ESA del 1995.

Sono circa quaranta, fra cui quelle delle principali Agenzie Spaziali mondiali, le delegazioni giunte a Trento dai cinque continenti per l’“International Space Forum”. La manifestazione, organizzata dall’International Astronautical Federation, dall’International Accademy of Astronautics e dall'Agenzia Spaziale Italiana, oltre agli interventi del Ministro Giannini e di Nicoletti, ha visto la partecipazione del Governatore del Trentino Alto Adige, Ugo Rossi, del Rettore dell’Università di Trento, Paolo Collini, e dei vertici di IAF, IAA e ASI. In agenda, rilevanti temi dell’attualità politica internazionale: cambiamenti climatici, big data e protezione della terra, con l’obiettivo della sottoscrizione finale di un Manifesto per lo Spazio.


23629
 Valuta questo sito