Vertice anti-Daesh alla Farnesina - "Abbiamo fatto progressi ma la minaccia persiste"
Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Vertice anti-Daesh alla Farnesina - "Abbiamo fatto progressi ma la minaccia persiste"

Data:

02/02/2016


Vertice anti-Daesh alla Farnesina -

Nella lotta a Daesh sono stati fatti "importanti progressi, ma di fronte abbiamo un'organizzazione molto resistente e quindi non dobbiamo sottovalutarla". Con queste parole il Ministro degli Esteri Paolo Gentiloni ha aperto questa mattina alla Farnesina i lavori del terzo vertice ministeriale della Coalizione internazionale anti-Daesh in formato 'Small Group', co-presieduto dal Ministro Gentiloni e dal Segretario di Stato americano John Kerry.

Al tavolo siedono i capi delle diplomazie di 23 Paesi, europei, occidentali e della regione, maggiormente impegnati nella Coalizione globale per il contrasto a Daesh assieme all'Alto Rappresentante Ue per gli Affari Esteri e la Politica di Sicurezza.

Il Ministro Gentiloni ha riferito che Daesh ha perso terreno nel 40% dell'Iraq e nel 20% della Siria, ma allo stesso tempo minaccia la Libia e l'Africa sub-sahariana, quindi la coalizione deve impegnarsi per un maggiore coordinamento negli sforzi militari, economici e diplomatici.

"Il mondo si aspetta sicurezza da noi e noi distruggeremo Daesh", ha affermato da parte sua il Segretario di Stato John Kerry, aggiungendo che a Roma si discute di come "aumentare gli sforzi per vincere questa guerra".


22067
 Valuta questo sito